Diritti

Il mistero dei Nocs. E il discredito cresce

La brutta, bruttissima vicenda della caserma dei Nocs, venuta allo scoperto per la denuncia di un clamoroso e violento caso di nonnismo, la dice lunga su quanto poco sappiamo di quel che avviene nelle caserme e in particolare in seno ai…

La brutta, bruttissima vicenda della caserma dei Nocs, venuta allo scoperto per la denuncia di un clamoroso e violento caso di nonnismo, la dice lunga su quanto poco sappiamo di quel che avviene nelle caserme e in particolare in seno ai corpi speciali, che per loro natura dovrebbero essere sottoposti a controlli e verifiche più stringenti e frequenti rispetto all’ordinario.

Sta emergendo che nella vita profonda e misteriosa dei Nocs c’è un segreto inconfessabile, un buco che riguarda l’uccisione "per fuoco amico" dell’agente Samuele Donatoni durante il blitz che che nel ’97 portò alla liberazione dell’imprenditore Giuseppe Soffiantini, dopo un lungo periodo da prigioniero di un gruppo di banditi. Si parla di patti di sangue e altri assai opachi legami: fatto sta che dopo la denuncia di nonnismo si è arrivati all’allontanamento di un ispettore, ritenuto la figura di riferimento nella caserma che dominava col terrore la caserma di Spinaceto.

L’uscita di scena di questo ispettore non è stata tuttavia presentata come tale: si è solo saputo, da notizie stampa, che l’ispettore non è più lì. Nessuno ha annunciato che è stato trasferito, o rimosso, o che c’è un legame fra questo spostamento e la denuncia di nonnismo. 

La polizia di stato continua ad affrontare in modo ambiguo le vicende che la mettono in imbarazzo, compromettendo sempre più la propria credibilità. Del resto quasi tutti i maggiori dirigenti sono macchiati dal "fango di Genova", quell’insieme di violenze, abusi, falsificazioni che ha portato – anche – a pesanti sentenze nei tribunali, ma non a un’assunzione di responsabilità, né tanto meno alla rimozione dei dirigenti finiti sotto processo e poi condannati in secondo grado.

Non sarà semplice recuperare il discredito accumulato in questi anni.

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia