Diritti

Il diritto di muoversi

A proposito del pacchetto sicurezza appena varato dal governo, e specialmente per il progetto di introdurre il nuovo reato di “ingresso illegale nel territorio dello Stato” – con arresto obbligatorio, processo per direttissima e pene da sei mesi a quattro…

A proposito del pacchetto sicurezza appena varato dal governo, e specialmente per il progetto di introdurre il nuovo reato di “ingresso illegale nel territorio dello Stato” – con arresto obbligatorio, processo per direttissima e pene da sei mesi a quattro anni – vale la pena leggersi tre articoli citati nel commento del cosrtituzionalista Valerio Onida pubblicato oggi sul Sole 24 ore. Vi si parla del diritto a lasciare il proprio paese e dei limiti che questo diritto può avere, che non paiono sussistere nel caso del disegno di legge italiano, che è teso a punire una condizione, più che un pericolo imperativo per la sicurezza pubblica e così via.
In Italia si sottovaluta pericolosamente quanto sia grave prevedere espulsioni e addirittura condanne penale per condizioni – come il trasferimento all’estero, la mancanza di permessi di soggiorno – che andrebbero disciplinati in una logica di estensione dei diritti e non di sanzione penale. L’espulsione è una gravissima forma di limitazione della libertà. E così l’arresto e la condanna penale. Con norme del genere si mette in discussione lo stato di diritto, si svilisce la nozione di libertà e si produce incertezza. E il bello è che tutto ciò viene fatto in nome della libertà e della sicurezza. 
DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL’UOMO
Articolo 13
1. Ogni individuo ha diritto alla libertà di movimento e di residenza entro i confini di ogni Stato.
2. Ogni individuo ha diritto di lasciare qualsiasi Paese, incluso il proprio, e di ritornare nel proprio Paese.
CONVENZIONE EUROPEA PER LA SALVAGUARDIA DEI DIRITTI DELL’UOMO E DELLE LIBERTA’ FONDAMENTALI
Articolo 2 – Libertà di circolazione
1. Chiunque si trovi regolarmente sul territorio di uno Stato ha il diritto di circolarvi liberamente e di scegliervi liberamente la sua residenza.
2. Ognuno è libero di lasciare qualsiasi Paese, compreso il suo.
3. L’esercizio di questi diritti non può essere oggetto di restrizioni diverse da quelle che sono previste dalla legge e costituiscono, in una società democratica, misure necessarie alla sicurezza nazionale, alla pubblica sicurezza, al mantenimento dell’ordine pubblico, alla prevenzione delle infrazioni penali, alla protezione della salute o della morale o alla protezione dei diritti e libertà altrui.
4. I diritti riconosciuti al paragrafo 1 possono anche, in alcune zone determinate, essere oggetto di restrizioni previste dalla legge e giustificate dall’interesse pubblico in una società democratica.
PATTO INTERNAZIONALE SUI DIRITTI CIVILI E POLITICI
Articolo 12
1. Ogni individuo che si trovi legalmente nel territorio di uno Stato ha diritto alla libertà di movimento e alla libertà di scelta della residenza in quel territorio.
2. Ogni individuo è libero di lasciare qualsiasi paese, incluso il proprio.
3. I suddetti diritti non possono essere sottoposti ad alcuna restrizione, tranne quelle che siano previste dalla legge, siano necessarie per proteggere la sicurezza nazionale, l’ordine pubblico, la sanità o la moralità pubbliche, ovvero gli altrui diritti e libertà, e siano compatibili con gli altri diritti riconosciuti dal presente Patto.
4. Nessuno può essere arbitrariamente privato del diritto di entrare nel proprio paese.

 

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.