Ambiente / Approfondimento

Gli impatti del fotovoltaico a terra e la pianificazione che manca

Crescono in Italia gli investimenti sulle grandi centrali realizzate in terreni liberi. Gli argini sono scarsi mentre gli impatti sull’agricoltura e sul consumo di suolo non sono irrilevanti. Il nostro viaggio dalla Puglia al Lazio

Tratto da Altreconomia 229 — Settembre 2020
Un impianto fotovoltaico a terra in Toscana. Secondo l’ultimo rapporto Ispra sul consumo di suolo, nel 2019 gli impianti del fotovoltaico a terra hanno consumato 195 nuovi ettari di suolo © Istock
Crescono in Italia gli investimenti sulle grandi centrali realizzate in terreni liberi. Gli argini sono scarsi mentre gli impatti sull’agricoltura e sul consumo di suolo non sono irrilevanti. Il nostro viaggio dalla Puglia al Lazio To access this post, you must purchase Annuale con Mosaico di Pace, Annuale con Azione non violenta, Annuale con Gaia, Annuale con Nigrizia, Annuale "Amico" di Altreconomia, Annuale estero carta + digitale, Biennale carta + digitale, Trimestrale carta + digitale, Annuale digitale, Annuale carta +...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia