Economia / Approfondimento

Economia circolare: così il Pianeta può davvero “chiudere il cerchio”

In grado di rigenerare se stesso, il modello della “circular economy” -fondato sulla progettazione intelligente dei prodotti e sul recupero degli scarti- sfida la tradizionale crescita lineare. E guarda al futuro
Tratto da Altreconomia 194 — Giugno 2017
Un’immagine della città di Växjö, nella provincia dello Småland, in Svezia. È la “più verde città d’Europa” - © Mats Samuelsson, www.mynewsdesk.com
Un’immagine della città di Växjö, nella provincia dello Småland, in Svezia. È la “più verde città d’Europa” - © Mats Samuelsson, www.mynewsdesk.com
"Non si è ancora riusciti ad adottare un modello circolare di produzione che assicuri risorse per tutti e per le generazioni future, e che richiede di limitare al massimo l’uso delle risorse non rinnovabili, moderare il consumo, massimizzare l’efficienza dello sfruttamento, riutilizzare e riciclare. Affrontare tale questione sarebbe un modo di contrastare la cultura dello scarto che finisce per danneggiare il pianeta intero, ma osserviamo che i progressi in questa direzione sono ancora molto scarsi”. Scriveva così papa Francesco, nella...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia