Diritti

E il Pd festeggia lo sgombero del campo rom

Circola in rete l’immagine del manifesto che si può vedere qui a fianco: il Pd romano, zona sesto Municipio, si compiace per l’avvenuto sgombero di quello che chiama "campo nomadi", rivendicando – evidentemente – questo "risultato" per la giunta del…

Circola in rete l’immagine del manifesto che si può vedere qui a fianco: il Pd romano, zona sesto Municipio, si compiace per l’avvenuto sgombero di quello che chiama "campo nomadi", rivendicando – evidentemente – questo "risultato" per la giunta del Municipio, guidata da esponente del partito.

Il Pd non è nuovo a queste imprese: basti ricordare gli interventi anti rom di Filippo Penati, ex presidente della Provincia di Milano oggi concorrente alla carica di presidente della regione Lombardia nonché braccio destro del segretario Bersani, o i manifesti inneggiante alla cacciata dei rom a Ponticelli (Napoli).  

Alla fine queste sortite non fanno nemmeno più notizia, ma testimoniano – una volta di più – lo sbandamento culturale dello schieramento democratico-progressista e la gravissima crisi democratica che sta vivendo il nostro paese, che a fronte di una crisi economica, politica e morale senza precedenti, non trova di meglio che scagliarsi contro i "nomadi" (ma che linguaggio è?) e invocare un "decoro" che non alberga più nelle coscienze sotto forma di adesione profonda ai princìpi della democrazia (uguaglianza fra le persone in testa) e allora viene invocato a colpi di sgomberi e manganelli. 

Si fa così largo un concetto di pulizia che lascia intravedere sullo sfondo l’autoritarismo, se non il totalitarismo: ciascuno, naturalmente, è libero di pensare che questa è un’esagerazione, e speriamo che sia così, ma concettualmente siamo lungo questa filiera; alzi la mano chi crede d’intravedere qualcosa di positivo in uno sgombero di famiglie prive di tutto, avendo come obiettivo qualcosa che viene chiamato decoro, mentre stiamo parlando di persone.

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia