Diritti / Opinioni

De Gennaro ci prende in giro

Il sottosegretario del governo Monti, ex capo della Polizia, parla di "Stato di diritto" e dice di provare dolore per le vittime. Ma era il responsabile dell’ordine pubblico durante il G8 di Genova, la "più grave repressione di massa vista in occidente" secondo Amnesty International, e la polizia di Stato in questi undici anni ha ostacolato l’accertamento delle responsabilità. Il presidente Monti e il ministro Cancellieri non hanno nulla da dire?

Gianni De Gennaro è veramente senza vergogna. La cosa grave è che lo lasciano parlare di Stato di diritto come se non fosse stato proprio lui  il massimo responsabile dell’ordine pubblico durante la più grave violazione di massa dei diritti umani che si sia vista in Europa negli ultimi decenni (fonte: Amnesty International). 

Al governo dei tecnici, del quale fa inopinatamente parte, andrebbe ricordato che il dottor De Gennaro è stato TECNICAMENTE il protagonista di un fallimento: la disastrosa gestione del G8 di Genova sarà ricordata nei libri di storia come una delle pagine più nere e più imbarazzanti – anche sul piano internazionale – della polizia italiana.

Il dottor De Gennaro è stato anche protagonista di una gestione del post-fallimento e delle inchieste intraprese dalla magistratura – che è un potere dello stato, fino a prova contraria – all’insegna della non collaborazione e della prepotenza.

Il dottor De Gennaro, come il professor Monti e la dottoressa Cancellieri, probabilmente non si aspettavano che i giudici di Cassazione si comportassero da giudici di Cassazione, ma una volta che questo è avvenuto, bisognerebbe avere l’onestà e l’umiltà di riconoscere quel che è successo il 5 luglio per quello che è: una clamorosa e definitiva sconfessione della condotta proterva tenuta dalla polizia di stato (spalleggiata da un potere politico succube e inetto) in questi undici anni, e non tanto e non solo nella notte della Diaz.

Se i dirigenti verso i quali il dottor De Gennaro è tanto solidale hanno perso il lavoro, non è per la perfidia dei giudici di Cassazione, ma perché sono stati mantenuti al loro posto dopo una pesantissima sentenza di appello, che già conteneva tutti gli elementi necessari per consigliare la loro sospensione: una sentenza d’appello – è bene ricordarlo – non è un’opinione, ma un atto importante e meditato della magistratura, che è – ripeto – un potere dello Stato al quale spettano fondamentali funzioni di controllo degli abusi di potere.

Il dottor De Gennaro e il suo successore Antonio Manganelli sono i principali responsabili dell’operazione di legittimazione e copertura dei dirigenti condannati il 5 luglio e il fatto che restino al loro posto è una prepotenza dell’attuale governo. Il "dolore per le vittime" espresso dal dottor De Gennaro, da vittima, lo vivo come una inaccettabile presa in giro.
 

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia