Diritti

Contrastare la crisi con la legalità

Avviso Pubblico, associazione di enti locali contro la criminalità organizzata: "Investire nella lotta contro le mafie, la corruzione e l’evasione fiscale per recuperare risorse da destinare al risanamento e allo sviluppo del Paese"

Un anno fa, Avviso Pubblico ha scritto una lettera pubblica al governo, agli imprenditori e ai sindacati per invitarli a discutere misure idonee a recuperare un’enorme ricchezza illecita e criminale prodotta dalle mafie, dalla corruzione, dall’evasione fiscale e dall’economia sommersa.

Citando le statistiche ufficiali, Avviso Pubblico ha ricordato che nel nostro Paese, annualmente, il fatturato mafioso è stimato dalla Commissione parlamentare antimafia in 150 miliardi di euro; la corruzione è stimata in 60 miliardi di euro dalla Corte dei Conti; l’evasione fiscale è stimata in 120 miliardi di euro del Ministero dell’Economia. A questi dati, va aggiunta la stima dell’economia sommersa che, secondo l’Istat, ammonterebbe tra i 255 e i 275 miliardi di euro, pari al 16,3% e 17,5% del PIL italiano.

Si tratta di cifre che danno conto, in modo diretto ed inoppugnabile, di come sia difficilmente sostenibile la tesi secondo la quale in Italia, attualmente, mancano le risorse necessarie per risanare la situazione dei conti pubblici, per rilanciare lo sviluppo e per garantire servizi essenziali ai cittadini.

Mafie, corruzione, evasione fiscale, economia sommersa sottraggono risorse fondamentali da destinare ai servizi di welfare, alterano sensibilmente il principio dell’eguaglianza sociale e della libera concorrenza, contribuiscono in modo determinante a danneggiare la credibilità dell’Italia nel mondo, allontanando dal nostro Paese quote rilevanti di investimenti stranieri con conseguenze devastanti dal punto di vista dello sviluppo e dell’occupazione, in particolare di quella giovanile.

Quanto affermato nei giorni scorsi dal Presidente del Consiglio, Mario Monti, ossia che rispetto all’evasione fiscale l’Italia si trova in una situazione da “stato di guerra” costituisce una presa di coscienza importante da parte di chi è chiamato a governare l’Italia in un momento così difficile dal punto di vista politico, sociale ed economico.

A fronte di queste parole, Avviso Pubblico, esprimendo il suo sostegno per quanto le istituzioni preposte stanno svolgendo al fine di recuperare le risorse sottratte illegalmente alla collettività, auspica che quanto prima si promulghino leggi, si adottino provvedimenti e si stanzino risorse idonee a rafforzare gli strumenti di prevenzione e di contrasto della criminalità mafiosa ed economica.

La vera spendig review da attuare, insieme al taglio degli sprechi, all’eliminazione dei privilegi delle varie caste italiane, è questa: investire per recuperare quanto la criminalità organizzata e la disonestà sottraggono alla collettività.

* presidente di Avviso Pubblico

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia