Approfondimento

Chi siamo – old

AltrEconomia se ci sei batti un colpo (di Emilio Novati)

Questa rivista nasce da organizzazioni che operano in settori diversi, unite dalla comune volontà di cercare nuove strade per lo sviluppo di un’economia di giustizia e convinte che dal confronto di molte esperienze possa nascere qualcosa che conta ben più della somma dei singoli partecipanti. "AltrEconomia" non è un nome nuovo, ma la breve esperienza di pubblicazione della testata da parte di Ctm e del Cric, si era esaurita dopo pochi numeri per ragioni organizzative interne. L’idea di Ctm di rilanciarla coinvolgendo altre realtà, non solo del mondo del commercio equo, ha trovato subito degli interlocutori interessati, ed è stato unanime l’accordo per costruire una rivista dotata di una forte autonomia editoriale e capace di rivolgersi a un pubblico vasto. Siamo convinti che siano sempre più numerose le persone, impegnate nelle centinaia di botteghe del commercio equo, nelle reti di boicottaggio delle multinazionali, in esperienze di finanza etica, in organismi di cooperazione internazionale, che sentono, come noi, l’esigenza di confrontare le loro esperienze, per poter incidere sempre meglio sulla complessa realtà in cui operano. Sappiamo che il confronto sarà un processo lungo e faticoso, ma l’esperienza fatta durante i mesi di gestazione di questa iniziativa ci ha convinti che i tempi sono maturi e che i risultati positivi non potranno mancare. Le idee attorno a cui si riconoscono le organizzazioni che fanno parte del consorzio editoriale sono espresse nel manifesto politico che riportiamo qui a fianco. L’impegno è di costruire una rivista aperta al confronto, nella convinzione che nessuno può trovare da solo la strada per "cambiare il mondo", ma val la pena di provarci assieme. Vogliamo che la rivista diventi un laboratorio di discussione, di ricerca e di comunicazione di esperienze diverse, e vorremmo affiancare alla struttura redazionale gruppi di lavoro che possano occuparsi di temi particolari, con la partecipazione di diverse persone che possano portare il contributo che viene dalla loro esperienza. L’attenzione e la fiducia dei lettori dovrà essere conquistata sul campo, e per questo contiamo sulla professionalità del corpo redazionale e del direttore, garantita dall’esperienza di "Terre di mezzo", alla cui organizzazione di vendita sulle strade è affidato il compito di diffondere la rivista anche al di fuori dei circuiti che possiamo raggiungere con i nostri contatti abituali

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia