Diritti

Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo: uno strumento utile per costruire la pace

"Si vis pacem, para bellum”: se vuoi la pace, prepara la guerra. Questo detto latino ha contribuito, nel corso dei secoli, alla gestione dei pericoli e delle minacce esterne con metodi militari: costruendo armi, investendo risorse negli eserciti, potenziando le…

"Si vis pacem, para bellum”: se vuoi la pace, prepara la guerra. Questo detto latino ha contribuito, nel corso dei secoli, alla gestione dei pericoli e delle minacce esterne con metodi militari: costruendo armi, investendo risorse negli eserciti, potenziando le visioni di strategia puramente bellica. Il risultato è che le guerre hanno solo saputo moltiplicare nuovi conflitti e non sono riuscite a sanare le ferite; al massimo hanno saputatlante nuove guerreo preparare macerie per una nuova ricostruzione (sempre la saggezza degli antichi: “fecero un deserto e le chiamarono pace”). Se però l’intenzione è quella di costruire veramente la pace. Allora la guerra non è comunque da dimenticare: non per prepararla ma per conoscerla e quindi saperla comporre ed evitare.
In questo senso ci viene in aiuto la seconda dell’Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo, curato dall’Associazione 46° parallelo (www.atlanteguerre.it). In questo volume non vengono solo descritti e raccontati (con dati, analisi, testimonianze) i maggiori conflitti attualmente in corso in tutti i continenti – molti dei quali davvero dimenticati e incapaci di bucare nemmeno per pochi attimi la nostra superficiale cronaca. Trovano anche spazio approfondimenti tematici sulle nuove forme della guerra, sui protagonisti degli scontri “lontani” dai campi di battaglia ma che per interessi o necessità di controllo e potenza lo fomentano e ne traggono vantaggi. E trovano soprattutto voce le vittime delle guerre, i popoli che da anni soffrono in mezzo ai conflitti e le piccole o grandi prospettive di speranza che comunque persone di buona volontà cercano di costruire anche in mezzo alle distruzioni più pesanti.

 

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia