Ambiente / Opinioni

Il valore delle Alpi: una fragile corona da tutelare

Dalle Marittime alle Giulie, gli ettari di suolo urbanizzati hanno superato quota 205mila. È necessaria una svolta di “alta” politica
Tratto da Altreconomia 200 — Gennaio 2018
Macongranpenalerecagiù. Così a scuola ricordiamo il nome delle Alpi: Marittime Cozie Graie Pennine Lepontine Retiche Carniche Giulie. Diademi di una corona in testa all’Italia, fatta di boschi neve aria e acqua pure, paesaggio, brivido della quota, fatica della salita, energia e legname, sentieri fontina casera e latte, mucche prati fieno polenta e pane di segale, baite, Alpini con la piuma e gente con le sue storie, il suo lavoro, il diritto al futuro. Alpi e Appennini sono stati anche teatro...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia