Altre Economie

Una gita lunga un anno

Il turismo responsabile e sostenibile anche a scuola. Due proposte per gli insegnanti, dal Piemonte e dalle Marche

 

Tratto da Altreconomia 98 — Ottobre 2008

Ottobre, a scuola, è già tempo di gite. Per gli insegnanti, almeno, che iniziano a programmarne la meta e che oggi possono scegliere anche di sperimentare “sul campo” progetti educativi di turismo responsabile e sostenibile. Il Centro di educazione ambientale di Prà Catinat, in Piemonte, realizza soggiorni educativi per approfondire i temi della salvaguardia dell’ambiente, della comunicazione e della convivenza interculturale. Il Centro è gestito dal Consorzio Pracatinat. Il soggiorno si svolge a 1.650 metri di altitudine nella verde località Prà Catinat (To), a 1650 m di altitudine, nel Parco regionale Orsiera-Rocciavré, dura da 3 a 5 giorni ed è destinato a studenti di tutte le età, dalle scuole materne alle superiori. “In quota” vengono proposte esperienze e laboratori per riflettere concretamente sui problemi socio-ambientali, sui legami con il territorio e gli altri, sulla propria relazione con le differenze (sociali, culturali o di genere) e sui conflitti che possono nascere in contesti multiculturali. Il percorso, nel quale gli studenti sono affiancati dai loro insegnanti e dagli educatori del Centro, inizia sui banchi di scuola (prima del soggiorno) e continua anche dopo.
Info e prenotazioni: Consorzio Pracatinat, loc. Prà Catinat, 10060 Fenestrelle (TO), tel. 0121-88.48.84, soggiorni@pracatinat.it; pracatinat.it. Dalle Marche arriva invece una proposta ideata da Mondo solidale (socio di Ae), Non solo noi (due realtà che operano nell’ambito del commercio equo) e Viaggi e miraggi (agenzia di turismo responsabile). Un viaggio di 4 giorni in cerca di natura, tradizioni popolari e dei prodotti di qualità del territorio. La gita è pensata per realizzare uno scambio culturale tra la classe in visita e una classe locale. Gli studenti si confrontano su temi quali giustizia sociale ed economica, fame, acqua e risorse ambientali, commercio equo e solidale. Argomenti da affrontare per tutto l’anno scolastico, e da condividere poi durante il viaggio. La gita diventa un incontro con persone e luoghi, per affrontare il diverso in modo responsabile. Il prezzo a persona (gruppo di 25 studenti e 2 accompagnatori) è di 272 euro per 4 giorni. Info e prenotazioni: 049-87.51.997, viaggi@viaggiemiraggi.org

Natale in Senegal     
In Africa Occidentale con i venditori di strada di Terre di mezzo, per conoscere “da vicino” il loro Paese

Destinazione Senegal, per un viaggio di turismo responsabile pensato per assaporare e condividere le tradizioni, la cultura, la società e i costumi di questo Paese. Due settimane per capire cosa spinge molti senegalesi ad abbandonare la propria terra per sbarcare in Italia. “‘Insieme’ Senegal” è un’idea dell’associazione “Insieme nelle Terre di mezzo” che, in collaborazione con l’agenzia di turismo responsabile Viaggi e miraggi, ha immaginato un percorso a ritroso sulle orme dei venditori di strada del mensile Terre di mezzo. Persone che l’associazione sostiene con eventi e incontri basati sui temi del giornale (integrazione, emarginazione) e atti a sensibilizzare l’opinione pubblica.
Il valore aggiunto del viaggio è dato dagli incontri con le persone: 3 pernottamenti sono a casa della famiglia di un venditore di strada e diverse visite vengono fatte in villaggi e luoghi di tradizione e cultura locale.
L’itinerario prevede anche visite alla caotica capitale Dakar, all’isola di Gorée e al lago Rosa, alla foresta e alle spiagge della regione Casamance, interessanti dal punto di vista naturalistico ma che si avvicinano di più al turismo “tradizionale”. In viaggio ci sarà tempo anche per conoscere i progetti di sviluppo e cooperazione presenti sul territorio. Sono previsti incontri con organizzazioni locali e internazionali per visitare dighe antisale progettate per rallentare la desertificazione della valle del Bao Bolong (Sud-ovest del Senegal), per vedere laboratori di tintura e sartoria “equa e solidale” (un progetto di Karibuni, karibuny.imcbevera.it) e, infine, per conoscere strutture ricettive nate secondo i principi del turismo responsabile. I viaggiatori sconfineranno anche in Gambia, il più piccolo Stato africano, situato nel cuore del Senegal. Altra cultura e altra lingua ma stesso calore e ospitalità.
La partenza da Milano e/o Roma è prevista per il 23 dicembre 2008, con rientro il 7 gennaio 2009. Ci si iscrive fino al 25 novembre. Il prezzo del pacchetto è di circa 2.100 euro più tasse aeroportuali. Per informazioni e iscrizioni: 338-25.87.100 (Dario); insiemesenegal@libero.it

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia