Altre Economie / Opinioni

Un altro lavoro per un’altra società

Per imboccare la strada della sostenibilità occorre affrontare il tema di come garantirci da vivere senza il bisogno di alimentare ulteriormente la crescita. Con l’intento di promuovere questo dibattito, il Centro nuovo modello di sviluppo e il Movimento per la decrescita felice hanno elaborato un dossier dedicato al lavoro

© Clark Young, unsplash

Tutto dimostra che se vogliamo ritrovare l’equilibrio con l’ambiente nel rispetto dell’equità, gli opulenti debbono accettare di rivedere in profondità produzione e consumo. E che nessuno si illuda: il problema ambientale non è circoscritto all’eccesso di anidride carbonica e quindi ai cambiamenti climatici. La crisi è molto più profonda coinvolgendo al tempo stesso tutte le risorse e tutti i rifiuti. Sul fronte delle risorse la crisi ha il volto della scarsità, su quello dei rifiuti dell’accumulo. Solo per citare due esempi: ogni anno abbiamo un deficit di terra fertile del 40%, mentre nel Pacifico c’è un’isola di plastica grande come la Francia.

Tutto questo ci dice che per raggiungere il traguardo della sostenibilità non basta passare dalle fonti fossili alle energie rinnovabili, continuando a cullarci allegramente nel sogno della crescita infinita. Contemporaneamente dobbiamo accettare di ridurre produzione e consumi: che non significa un ritorno alla candela ma liberazione dalla schiavitù dell’inutile e del superfluo. Una scelta che si fa ancora più urgente alla luce del fatto che miliardi di persone non hanno ancora conosciuto il gusto della dignità umana. Né potranno conoscerla finché gli opulenti continueranno a sguazzare nello spreco perché c’è competizione per le risorse scarse.

Molte famiglie riconoscono la necessità di orientarsi verso stili di vita più sobri ma una paura le blocca: se consumiamo di meno, come può “girare” l’economia? E che fine faranno i nostri posti di lavoro? Angoscia derivante dalla consapevolezza che in un sistema di mercato l’occupazione dipende dalla capacità delle aziende di vendere ciò che producono. Così il lavoro salariato finisce per trasformarsi in nemico della sostenibilità. Detta in un altro modo, non riusciremo mai a imboccare la strada della sostenibilità fino a quando non affronteremo il tema del lavoro, ossia come garantirci da vivere senza bisogno di crescita. Ed è proprio con l’intento di promuovere questo tipo di dibattito che il Centro nuovo modello di sviluppo, in collaborazione con il Gruppo economia del Movimento per la decrescita felice, ha appena elaborato il dossierUn altro lavoro per un’altra società”.

La tesi del dossier è che bisogna cambiare prospettiva: bisogna smettere di dire che l’obiettivo è creare lavoro e affermare, invece, che l’obiettivo è garantire le sicurezze. Il nostro problema non è faticare ma avere di che mangiare, coprirsi, muoversi, studiare, curarsi. Per cui non dobbiamo chiederci come possiamo creare lavoro, ma come possiamo garantire a tutti la possibilità di vivere dignitosamente utilizzando meno risorse possibile e producendo meno rifiuti possibile. Ed è chiaro che il modo migliore per garantirci le sicurezze col minor utilizzo di risorse è l’applicazione diretta del lavoro ai bisogni da soddisfare. Chi decide di imbiancare la propria casa da solo, utilizza solo la vernice. Chi decide di servirsi di un imbianchino, deve prima produrre qualcosa da vendere per avere di che pagare l’imbianchino, poi ottiene l’imbiancatura.

La conclusione è che più si ricorre al denaro, più bisogna espandere la produzione e quindi il consumo di risorse e produzione di rifiuti. Ciò che dobbiamo fare è potenziare il lavoro diretto estendendolo all’economia pubblica, in modo da espandere questo settore senza bisogno di crescita. La proposta, insomma è tassare il tempo anziché il reddito, perché il lavoro è la risorsa più abbondante di cui disponiamo. Del resto applicando il lavoro direttamente a ciò che ci serve, possiamo risolvere i nostri problemi essenziali senza far crescere inutilmente l’economia di mercato. A questo riguardo il dossier prospetta scenari suggestivi ipotizzando la copertura gratuita, dalla culla alla tomba, di tutti i bisogni fondamentali in cambio di tempo dato alla collettività in forma organizzata e permanente. E per cominciare a muoverci in questa direzione, si propone di istituire subito un servizio civile obbligatorio valido per tutti i giovani.

Per concludere, Alex Langer diceva che la conversione ecologica si affermerà solo se sarà socialmente desiderabile. Ossia se la gente si convincerà che la vita ispirata all’economia del limite è migliore di quella ispirata all’economia della crescita. E poiché la prima esigenza di ogni famiglia è avere di che vivere, è proprio di questo che dobbiamo parlare gettando il pensiero oltre la siepe. Sapendo, cioè, che quando la barca non avanza perché l’acqua è scesa a tal punto da fare poggiare lo scafo sul fondo, non è continuando a remare che possiamo sperare di rimetterla in movimento. L’unico modo per farla ripartire è inventarci la ruota.

Francesco Gesualdi (1949), allievo di don Lorenzo Milani a Barbiana, nel 1985 ha fondato a Vecchiano (PI) il Centro nuovo modello di sviluppo (cnms.it), da cui vengono lanciate le prime campagne di sensibilizzazione e informazione per un consumo critico in Italia. Per Altreconomia edizioni ha scritto tra gli altri “L’altra via” (2009) e “Cambiare il sistema” (2014).

© riproduzione riservata

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.