Altre Economie

Tutti i volti di Palermo

Dal passato arabo al presente meticcio, seguendo il filo rosso della legalità “Palermo è sontuosa e oscena (…). Palermo è come tutte le capitali di quei popoli che non riuscirono mai ad essere nazioni. A Palermo la corruzione è fisica,…

Tratto da Altreconomia 109 — Ottobre 2009

Dal passato arabo al presente meticcio, seguendo il filo rosso della legalità

“Palermo è sontuosa e oscena (…). Palermo è come tutte le capitali di quei popoli che non riuscirono mai ad essere nazioni. A Palermo la corruzione è fisica, tangibile ed estetica: una bellissima donna, sfatta, gonfia di umori guasti, le unghie nere, e però egualmente, arcanamente bella. Palermo è la storia della Sicilia, tutte le viltà e tutti gli eroismi, le disperazioni, i furori, le sconfitte, le ribellioni”. Così Giuseppe Fava, giornalista de i Siciliani, ucciso dalla mafia nel 1984. Per incontrare Palermo la parola da cui partire è “legalità”. In Sicilia la legalità non è scontata, è una conquista, costata fatica e sangue.
Se ne rende conto chi arriva in aereo a Punta Raisi e, diretto in città, passa da Capaci, dove un cippo segna il punto esatto dove Giovanni Falcone saltò in aria con sua moglie e la scorta. Oggi, a pochi metri dallo splendido incrocio dei Quattro Canti di città, la legalità ha assunto forme, colori, sapori:
1 _ l’Emporio “Punto Pizzo free” (www.puntopizzofree.it – Corso Vittorio Emanuele 172) è l’idea di due ragazzi, Fabio Messina e Valeria Di Leo, che hanno deciso di regalare una possibilità commerciale in più agli imprenditori -produttori, commercianti, artigiani- che si sono ribellati all’estorsione e aderiscono al Comitato “Addio Pizzo”. Le aziende e i loro prodotti e servizi -dai libri ai formaggi- trovano spazio in Emporio, senza sovrapprezzo e con il viatico di un’informazione puntuale.
Questo è anche un punto ideale per partire nell’esplorazione della città, stretta in una mano la cartina della città con le pizzofree companies, negozi, locali e produttori che hanno detto di no al racket, e nell’altra la guida per il consumatore critico “Pago chi non paga” del Comitato “Addio Pizzo”, che conta oggi 384 realtà (scaricatela al’indirizzo www.addiopizzo.org/public/guida09def_0.pdf). Un numero in costante crescita. Sempre qui, insieme a bibite fresche, trovi anche alcune biciclette a noleggio (vedi anche più avanti). E, per non farsi mancare niente, se proprio nella solare Palermo si incontra l’amore della propria vita, c’è pronta l’agenzia “Pizzo free wedding planner”.

La mappa completa in allegato.

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia