Altre Economie / Approfondimento

La spesa sociale, sana e popolare libera dai buoni del supermercato

Per aiutare chi è in difficoltà non è obbligatorio rifornirsi al circuito della grande distribuzione. Lo dimostrano le iniziative messe in campo durante e dopo il lockdown dai gruppi di acquisto e dai distretti di economia solidale

Tratto da Altreconomia 230 — Ottobre 2020
L’emporio solidale Bread&Roses di Bari. Durante i mesi dell’emergenza sanitaria ha distribuito cassette di cibo fresco allo sportello sociosanitario autogestito e alle parrocchie © Bread&Roses
Per aiutare chi è in difficoltà non è obbligatorio rifornirsi al circuito della grande distribuzione. Lo dimostrano le iniziative messe in campo durante e dopo il lockdown dai gruppi di acquisto e dai distretti di economia solidale To access this post, you must purchase Annuale con Mosaico di Pace, Annuale con Azione non violenta, Annuale con Gaia, Annuale con Nigrizia, Annuale "Amico" di Altreconomia, Annuale estero carta + digitale, Biennale carta + digitale, Trimestrale carta + digitale, Annuale digitale,...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia