Esteri / Varie

Robin Hood Tax, l’Italia (se c’è) batta un colpo

La Tassa sulle transazioni finanziarie è il punto all’ordine del giorno della riunione dell’ECOFIN in programma il 7 novembre a Bruxelles. I "negoziati" sono in una fase di stallo, in particolare sul tema dell’inclusione dei "derivati", che permetterebbe di ampliare la base imponibile. La posizione dell’Italia -che durante il semestre europeo guida le riunioni- è sconosciuta. Le domande della Campagna ZeroZeroCinque all’esecutivo Renzi

All’ordine del giorno della riunione tra i ministri dell’Economia e delle Finanze dell’UE, che il 7 novembre s’incontrano a Bruxelles nell’ECOFIN, c’è nuovamente il tema della tassa sulle transazioni finanziarie (nota anche come Robin Hood Tax).
L’impegno assunto da undici Paesi dell’area euro per l’introduzione di questa misura fiscale sembra però fortemente minacciato da un pericoloso stallo negoziale, dovuto alle divergenti posizioni degli Stati membri, ancorati ad interessi di settore su cui fanno leva le ingenti pressioni delle lobby finanziarie nazionali. 
Di fronte a uno scenario che sembra ignorare le richieste che da anni i cittadini europei rivolgono ai propri leader in tema di regolamentazione della finanza e di uso delle risorse della finanza per lotta alla povertà, contrasto ai cambiamenti climatici e solidarietà internazionale, le Robin Hood Tax Campaigns denunciano con una dichiarazione congiunta la mancanza di coraggio dei Governi europei, preoccupati di difendere gli interessi delle lobby piuttosto che quelli dei propri cittadini.

Secondo un comunicato diffuso da ZeroZeroCinque, “il negoziato sulla TTF rischia di venir svilito nella sua portata e reso del tutto inefficace se non si disegna un modello di imposta con ampia base imponibile, applicabile quindi al più variegato spettro di strumenti finanziari (in particolare ai derivati che sono al momento oggetto di acceso dibattito tra gli Stati membri) e in grado di contrastare l’high frequency trading. Affinché la tassa sia un efficace strumento di lotta alla speculazione finanziaria, non si possono escludere i derivati -che in almeno l’80% dei casi sono usati dai più grandi agglomerati bancari europei per finalità speculative e non di copertura del rischio con punte prossime al 100% per alcuni istituti di credito-“.

“L’Europa -sottolinea Leonardo Becchetti, portavoce di ZeroZeroCinque- non è stata l’origine della crisi finanziaria globale ma ne ha duramente subito le conseguenze e sembra aver dimenticato rapidamente la lezione della crisi. Come campagna  riteniamo che l’eccesso di finanziarizzazione si combatta anche attraverso l’introduzione di una tassa sulle transazioni finanziarie che aumenti il costo relativo del trading ad alta frequenza e dell’attività speculativa rispetto alla vera vocazione del sistema finanziario che è quella di finanziare l’economia reale”.

Secondo le realtà italiane impegnate nella Campagna, quale sia l’opzione politica del Governo Renzi in questo negoziato finora “non è dato saperlo”.
“Molte delle domande rivolte in questi mesi al Governo dalla Campagna ZeroZeroCinque rimangono ancora senza risposta -spiegano-, nonostante il ruolo di coordinamento del tavolo negoziale assunto in questi mesi dalla Presidenza italiana. Anche la recente interrogazione in Commissione finanze ha soltanto confermato le difficoltà tecniche della fase negoziale senza dare un chiaro orientamento sulla direzione politica verso cui l’Italia sta cercando di trainare l’accordo tra gli 11 che secondo l’impegno pubblico preso a maggio dovrebbe essere annunciato entro la fine dell’anno”.
Per questo, ZeroZeroCinque pone alcune domande all’esecutivo italiano, in vista della riunione del 7 novembre che verrà guidata da Pier Carlo Padoan, ministro dell’Economia del governo Renzi: “Qual è lo specifico posizionamento italiano al tavolo negoziale? Cosa impedisce all’Italia di schierarsi apertamente e senza mezze misure a sostegno di un ambizioso modello di imposta così come proposto dalla Commissione europea?”.
 
In tempi non sospetti, in una precedente edizione della Leopolda, Renzi aveva persino inserito la TTF tra i punti del suo Wiki-PD. Oggi invece -secondo ZeroZeroCinque- il dossier è caratterizzato da “opacità” e “silenzio”, che mal si conciliano con la visione di un Governo che si presenta come innovatore e progressista in Italia e in Europa, ma sembra disimpegnarsi dal processo di implementazione di una misura fiscale innovativa.
“Eppure -continua il comunicato della Campagna- una TTF europea ben costruita potrebbe contribuire ad una maggiore giustizia fiscale e sociale. Un ‘tesoretto’ di Robin Hood di oltre 30 miliardi di euro in Europa che porterebbe risorse innovative per la lotta alla povertà in Italia e nel mondo e per il contrasto ai cambiamenti climatici. Risorse addizionali non da poco per mantener fede agli impegni internazionali in materia di cooperazione internazionale e azioni per il clima e per far fronte alla spesa sociale in Italia in un autunno che si preannuncia caldo con le riserve di Bruxelles sulla finanziaria del Governo e la scure delle sue clausole di salvaguardia (aumento dell’IVA su tutte) pericolosamente sospesa sulle teste dei cittadini”.

“Ora che il progetto di una TTF europea dovrebbe concretizzarsi è inaccettabile l’assenza di una reale e coraggiosa volontà politica di rottamare la finanza speculativa. I Governi ancora una volta stanno cedendo alla pressione delle lobby finanziarie con il rischio che il progetto di TTF possa arenarsi o realizzarsi in modalità insufficienti per poter perseguire le sue finalità. Sul fronte della TTF si gioca una delle partite decisive che ci dirà se il bene comune e la volontà dei popoli europei prevarrà sullo strapotere delle lobby finanziarie. Il governo italiano e i governi europei devono ora scegliere, e con questa scelta ci dimostreranno da che parte stanno” conclude Leonardo Becchetti.

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia