Esteri / Reportage

Snodo Bielorussia: gli interessi geopolitici sul “confine” Est-Ovest

Nell’area contaminata dell’incidente di Chernobyl, del 1986, fino a poco tempo fa inaccessibile, oggi il governo scommette su turismo e ricerca scientifica. Mentre cerca di attrarre imprese straniere, comprese quelle italiane e cinesi

Tratto da Altreconomia 214 — Aprile 2019
Resti di battelli e automezzi abbandonati nel 1986 in prossimità del fiume Pripyat. Sono ancora fortemente radioattvi (provocano nausea e forti mal di testa) e possono essere avvicinati solo per breve tempo - © Alberto Caspani

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia