Esteri / Reportage

La Costa d’Avorio rinasce anche grazie all’architettura

Segnato da un lungo conflitto, il Paese africano oggi progetta il suo rilancio puntando sulla formazione di architetti e progettisti. Un’occasione di sviluppo sostenibile e di riscatto per i più giovani. Per non essere costretti a emigrare
Tratto da Altreconomia 204 — Maggio 2018
Il colonnato della basilica di Notre-Dame de la Paix a Yamoussoukro. Progettata su modello della Basilica di San Pietro a Roma è la chiesa cattolica più grande del mondo - © Alberto Caspani
Il colonnato della basilica di Notre-Dame de la Paix a Yamoussoukro. Progettata su modello della Basilica di San Pietro a Roma è la chiesa cattolica più grande del mondo - © Alberto Caspani
Il futuro sostenibile del Continente Nero passa per Bouelvard Latrille, viale che taglia in due il quartiere Cocody-Danga di Abidjan. Non lontano dall’Università dell’ex capitale della Costa d’Avorio, studenti in camicie immacolate e giacche porpora sfidano ogni giorno il sole battente. Hanno fra i diciotto e i diciannove anni, sono per lo più figli della nuova classe media, ma fra loro cresce il numero di ragazzi cui le borse di studio dell’Ordine Nazionale degli Architetti vogliono offrire l’occasione della vita: diventare...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia