Economia / Opinioni

Settimana “corta” e reddito di base: come ridisegnare il futuro del (non) lavoro

Nei Paesi socialmente più inclusivi la riduzione dell’orario lavorativo è una realtà. Da cui prendere spunto. La rubrica a cura dell'Osservatorio sulla coesione
Tratto da Altreconomia 194 — Giugno 2017
© Rick Roman
© Rick Roman
Uno dei paradossi del mondo del lavoro contemporaneo è il fatto che, pur in presenza di un tasso di disoccupazione piuttosto alto (o molto alto, come nel caso dell’Italia), si lavora troppo. Non sarebbe meglio “lavorare meno, lavorare tutti”? In linea di principio, poche persone avrebbero l’ardire (o il masochismo) di rispondere negativamente. In pratica, il tema della riduzione dell’orario di lavoro è confinato a dibattiti semi-clandestini di rado considerati seriamente dalle istituzioni nazionali, e ancora di più europee. Eppure,...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia