Interni / Approfondimento

Pubblica amministrazione: il percorso accidentato della “riforma”

Sono passati diciotto mesi dall’approvazione della legge che “delega” il governo ad intervenire su pubblico impiego e società partecipate. Nel novembre 2016, però, la Corte costituzionale ha bocciato l’impianto dei 16 decreti attuativi
Tratto da Altreconomia 191 — Marzo 2017
Maria Anna Madia, ministro per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione nei governi guidati da Matteo Renzi (con lei nella foto) e Paolo Gentiloni - foto di Palazzo Chigi
Maria Anna Madia, ministro per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione nei governi guidati da Matteo Renzi (con lei nella foto) e Paolo Gentiloni - foto di Palazzo Chigi
"Tagliamo le società partecipate”. E il grido di battaglia è diventato punto chiave della “riforma” della pubblica amministrazione voluta dal Governo di Matteo Renzi e di competenza della ministra Maria Anna Madia. Le cosiddette “municipalizzate” avviate alla “razionalizzazione” non sono altro che quelle società che si occupano di gestire anche i servizi pubblici, come l’acqua e il ciclo dei rifiuti. Si tratta di 7.181 organismi in cui sono presenti, anche in via sporadica e occasionale, gli enti territoriali del Paese,...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia