Facciamo da soli

Per uscire dalla crisi, oltre il mito della crescita: ripartiamo dal lavoro e riprendiamoci l’economia di Francesco Gesualdi

Prezzo: 11,00

Questo modello di sviluppo ha trascinato il mondo in una crisi di cui non si vedela fine: è arrivato il momento di “fare da soli”. L’ultima riflessione di Francesco Gesualdi riavvolge il nastro, per rileggere prima in modo magistrale la genesi della crisi e per proporre poi una nuova strada: la fondazione di un’economia “pubblica”, per tutti e non per pochi, locale e sostenibile -indipendente dai sussulti dell’economia globale- che abbandoni il mito della “crescita”e riconverta produzione e consumi. Ma come fare? La pietra angolare di questa “economia del paradiso” è il lavoro di comunità, in cui ciascuno lavori non solo per sé ma per il benessere comune e abbia garantiti servizi gratuiti, dall’istruzione alla salute. Per sostituire al denaro la coesione sociale, che non si può giocare in borsa.

Scrive Gesualdi: “Il lavoro è la risorsa più abbondante che abbiamo, la fonte originaria di ogni ricchezza. Non utilizzare il lavoro diretto dei cittadini è come morire di sete accanto a un pozzo. Se tutti mettessero a disposizione della comunità anche solo poche ore a settimana potremmo soddisfare qualsiasi bisogno sociale, produttivo o ambientale, senza dipendere dalla crescita dell’economia generale”.

Francesco Gesualdi, già allievo di Don Lorenzo Milani alla scuola di Barbiana,è uno dei padri del consumo critico in Italia, fondatore e coordinatore del Centro Nuovo Modello di Sviluppo, progetto di documentazione e impegno civile nato a Vecchiano (Pisa), dove Francuccio vive. Il Cnms analizza gli squilibri dell’economia globale, indaga sul comportamento delle imprese, studia e propone nuove formule economiche più eque e sostenibili. È inoltre autore di numerosi testi, fra cui Sobrietà (Feltrinelli 2005), la Guida al consumo critico (EMI/Ponte alle Grazie 2011), L’altra via (Altreconomia 2009), Cambiare il Sistema (Altreconomia 2014)

120 pagine

Leggi qui la recensione pubblicata su GRUSOL

Leggi qui la recensione pubblicata su Accademia Apuana della pace