Altre Economie / Opinioni

Che cosa insegna la Polveriera di Reggio Emilia

Consumo di suolo zero, inclusione, bellezza, rigenerazione urbana e finanzia etica. L’Italia avrebbe molto da imparare
Tratto da Altreconomia 203 — Aprile 2018
Gli interni della Polveriera di Reggio Emilia
Gli interni della Polveriera di Reggio Emilia
Se dico polveriera, pensate a esplosivi, militari e guerre. A Reggio Emilia invece vuol dire pace, inclusione sociale e rigenerazione urbana. L’ex deposito di munizioni e carri armati è oggi un gioiello di solidarietà, economia sana e luogo per i cittadini. Come altre città, anche Reggio si trova in pancia una tonnellata di aree demaniali e caserme militari di cui non sa che farsene. L’istinto avido della speculazione suggerirebbe di incassare subito (1,5 milioni di euro) in cambio di concessioni...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia