Esteri / Reportage

Tra gli orfani Rohingya in fuga dal Myanmar. Un disastro umanitario

Dall’ottobre 2016, un fiume di persone perseguitate dall’esercito birmano e dai civili ha attraversato a piedi il confine fino a raggiungere il Bangladesh. Tra loro, bambini abbandonati o affidati a sconosciuti. Abbiamo raccolto le loro storie
Tratto da Altreconomia 200 — Gennaio 2018
Un bambino nel campo profughi di Kutupalong. (Foto di Davide Lemmi)
Un bambino nel campo profughi di Kutupalong. (Foto di Davide Lemmi)
Cox’s Bazar, Bangladesh. Sowkat Ara non sa quanti anni ha. Probabilmente ne ha sei. Ha occhi neri grandi, i capelli bagnati a causa della pioggia e insieme ad altri 40mila bambini Rohingya in Bangladesh non ha una famiglia. Sowkat Ara ha perso i suoi genitori quando l’esercito birmano è arrivato nel villaggio e adesso non sa neanche se sono vivi o morti. In realtà non sa altro a parte il suo nome. Non ricorda.  “I militari sono arrivati e hanno cominciato...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia