Esteri / Reportage

Prove di filiera corta a Mosca, tra meleti urbani e giovani contadini

A seguito delle sanzioni volute dall’Europa, il Governo russo ha bloccato le importazioni di prodotti alimentari dell’Unione e sta investendo miliardi di rubli per raggiungere l’autosufficienza entro il 2020
Tratto da Altreconomia 195 — Luglio/Agosto 2017
© Marinella Correggia
© Marinella Correggia
Attraversando la piazza della Vittoria con le fontane dai getti illuminati di rosso, girando intorno alla processione di gigantesche statue dedicate alle vittime dell’olocausto nazista, ecco un parco pieno di altri monumenti: centinaia di meli ormai patriarchi, cresciuti senza vincoli. Solo gli alberi più giovani sembrano produrre ancora. “La mia amica Ludmila andava a raccogliere i frutti per le sue marmellate in un altro parco-meleto di città, vicino alla stazione metro Kankova” spiega Elide Cabassi, pittrice monferrina che vive a...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia