Ambiente / Inchiesta

Se il mercato delle emissioni è un affare per la grande industria in crisi

Il meccanismo della Commissione europea pensato per contrastare il cambiamento climatico si è rivelato un sussidio indiretto, in particolare per cementifici, raffinerie, industria siderurgica. Ecco perché
Tratto da Altreconomia 190 — Febbraio 2017
co2cemento1
C'è chi lo ha definito “carbon welfare”, uno sorta di Stato sociale al servizio delle aziende responsabili delle emissioni climalteranti: l’Emission Trading Scheme (ETS) è il mercato europeo dei “diritti di emissione”, regolato dalla Commissione, ma per alcuni settori industriali -dai cementifici alle raffinerie, dal siderurgico al petrolchimico- si è rivelato tra il 2008 e il 2015 un sussidio indiretto di fronte alla crisi. L’ETS, infatti, dovrebbe guidare la riduzione delle emissioni complessive di circa 11mila impianti industriali in 31...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia