Esteri / Reportage

L’inverno dei richiedenti asilo afghani a Sofia

Quasi 40mila persone hanno presentato richiesta di protezione internazionale tra il 2015 e il 2016 in Bulgaria. Il Paese, però, non ha strutture adeguate per gestire simili flussi
Tratto da Altreconomia 191 — Marzo 2017
Ragazzi afghani camminano nel mercato centrale di Sofia per far scorta di cibo: lamentano i pochi pasti che ricevono al campo di Voenna Rampa - foto di Federico Annibale
Ragazzi afghani camminano nel mercato centrale di Sofia per far scorta di cibo: lamentano i pochi pasti che ricevono al campo di Voenna Rampa - foto di Federico Annibale
"Ci trattano come bestie, a noi afghani. Quasi tutti quelli che vedi qui dentro sono stati derubati e picchiati dalla polizia. Fa schifo la Bulgaria, me ne voglio andare” dice Tony, un 28enne originario dell’Afghanistan bloccato nella capitale da otto mesi. La rotta migratoria che passa per i Balcani, usata da centinaia di migliaia di migranti (in maggioranza provenienti da Siria, Afghanistan, Pakistan e Iran) per raggiungere l’Europa occidentale, è stata ufficialmente chiusa nel marzo del 2016, e l’attraversamento legale dei...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia