Ambiente / Attualità

Le comunità resilienti del bellunese, a un anno dalla tempesta Vaia

Le foreste abbattute dai venti eccezionali dell’ottobre 2018 non hanno piegato contadini, vignaioli e amministrazioni comunali già impegnate nella costruzione di nuovi modelli sociali e produttivi partecipati. Le risposte dal basso dal territorio

Tratto da Altreconomia 219 — Ottobre 2019
Le vigne a ridosso del bosco dell’azienda agricola biologica Terre dei Gaia, ai piedi delle Dolomiti bellunesi (nel Comune di Feltre, BL) - © Azienda Terre dei Gaia
Le foreste abbattute dai venti eccezionali dell’ottobre 2018 non hanno piegato contadini, vignaioli e amministrazioni comunali già impegnate nella costruzione di nuovi modelli sociali e produttivi partecipati. Le risposte dal basso dal territorioTo access this post, you must purchase Abbonamento annuale Ae + Mosaico di Pace, Abbonamento annuale Ae + Azione non violenta, Abbonamento annuale Ae + Gaia, Abbonamento annuale Ae + Nigrizia, Abbonamento annuale Amico di Altreconomia, Abbonamento annuale estero carta + digitale, Abbonamento biennale carta + digitale, Abbonamento...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia