Altre Economie

L’alfabeto del viaggio

Armenia, Bretagna (e Normandia) e Colombia. Per scoprire la cultura di un Paese a cavallo tra Asia ed Europa, pedalare nel Nord della Francia, avvicinare le culture indigene  dell’America latina _ _ _
 

Tratto da Altreconomia 139 — Giugno 2012

Munitevi di cartina, borraccia, bicicletta, scarponcini e spirito di adattamento. Poi zaino in spalla e via, pedalando attraverso la Normandia e la Bretagna (Francia), sulle tracce dello sbarco americano durante la seconda guerra mondiale con Zeppelin (www.zeppelin.it). Ad Arromanches ci sono i resti dei pontili mobili costruiti nel mare dagli americani durante lo sbarco. Si pedala sul bordo della falesia a picco sul mare e una sosta è prevista al museo e memoriale dello sbarco e al cimitero americano. Da Granville, lungo la costa in direzione Sud, si raggiunge St. Jean le Thomas. Poi, a piedi lungo il “più bel chilometro di Francia”, un sentiero a picco sul mare con  vista su Mont St. Michel (sotto), raggiunta con la bassa marea. Di nuovo in sella e, lungo stradine pianeggianti, si cambia regione: dalla Normandia alla Bretagna. A Dol c’è l’incontro con il primo menhir (statua di pietra). Da Dinan, cittadina medievale, si pedala lungo una pista ciclabile costruita sulla vecchia linea ferrata che porta a Dinard. Per arrivare poi alla città fortezza di St. Malo. Infine, un circuito ad anello conduce il gruppo tra le falesie a strapiombo di “Pointe du  Grouin” e poi nella balneare Cancale. Una settimana. Notte in albergo. 12-30 partecipanti. Partenza: ogni domenica dal 22 luglio al 19 agosto.  Prezzo: 700 euro (non comprende: viaggio da/per Normandia, bevande, pranzi, 2 cene, entrate ai musei; noleggio bici: 60 euro). Info: 0444-52.60.21; info@zeppelin.it

Cambiamo latitudine, per spostarci al confine tra Europa e Asia e conoscere l’Armenia, in compagnia di Viaggi e Miraggi (www.viaggiemiraggi.org). La prima tappa è il villaggio di Vernashen. Si  trova a 120 chilometri a Sud-est della capitale Yerevan, nella regione di Yeghegnadzor.  Molte sono le mete del viaggio itinerante: Tatev, con il più importante monastero della regione meridionale; il Lago Sevan (a 1.898 metri sul livello del mare), il più grande lago naturale del Paese. E ancora, la chiesa di Noravank, la vineria di Areni e la chiesa di Astvatsatsin. Tra le fortezze, Khor Virap, un monastero fortezza situato in direzione di Yerevan, al confine con la Turchia. A Yerevan, i resti dell’antica fortezza di Erebuni. Segue Ejmiatsin, il centro più importante della Chiesa armena con la cattedrale e il complesso circostante che conserva un tesoro e tracce del passaggio di San Gregorio. A Vernashen si assiste alla lavorazione e alla cottura del pane in antichi forni di pietra ricavati nel terreno. A Garni c’è un tempio pagano, in posizione di dominio su una stretta gola. Un paesaggio simile si presenta a Geghard. Si dorme in famiglia, si mangiano prodotti locali. Massimo 6-7 persone. Prima data: dal 21 al 28 luglio. Prezzo: 750 euro volo escluso (costa 400 euro circa). Per informazioni: 049- 87.51.997, 02-54.10.24.60; viaggi@viaggiemiraggi.org

Spingiamoci ancora più lontano per visitare la Colombia
con Mambe Shop (www.mambe.org), realtà locale che si occupa di promuovere l’artigianato locale e l’economia solidale. Vende, a Bogotá, i prodotti di progetti portati avanti da alcune associazioni di contadini e indigeni, e di Ong locali come Fundación Etnollano, Fundación Gaia Amazonas e Fundación Alisos. Inoltre, offre proposte di turismo responsabile. Ad esempio, la possibilità di visitare l’Amazzonia colombiana, territorio di antichissime culture indigene. Navigando, è possibile conoscere le comunità  di Zaragoza, Vergel (sotto), Macedonia, Mocagua e San Martin de Amacayacu. Per qualche giorno si diventa parte della comunità e si condividono gli usi e i costumi locali, la loro conoscenza di piante medicinali della foresta, la cucina, l’artigianato e le coltivazioni locale.
Si fanno passeggiate per la foresta, si visitano riserve naturali e si naviga sul fiume. Il viaggio dura 4 notti e 5 giorni e prevede diversi tipi di alloggi: presso malocas (abitazioni dei nativi amazzonici),  presso una riserva naturale e accampati nella foresta. Il prezzo è di circa 920 euro  e prevede la pensione completa e i voli interni (mentre sono esclusi il volo intercontinentale e le tasse aeroportuali).
Info: info@mambe.org

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia