Esteri / Reportage

Isole Cayman, il corsaro offshore che cambia pelle e sfida l’Europa

L’arcipelago scoperto da Colombo nel 1503 conta appena 58mila abitanti e un’economia domestica di 3 miliardi di dollari. Eppure attrae capitali stranieri per oltre 4mila miliardi. Ecco perché le trattative del dopo “Brexit” lo riguardano
Tratto da Altreconomia 200 — Gennaio 2018
Iporto di Georgetown, capitale delle isole Cayman © Alberto Caspani
Iporto di Georgetown, capitale delle isole Cayman © Alberto Caspani
Prima è apparsa all’orizzonte nera. Poi bianca. Infine grigia. Vascelli e sloop hanno sempre prestato molta attenzione al colore della bandiera issata in prossimità delle isole Cayman, famigerato covo dei pirati a Sud di Cuba, nel Golfo del Messico, ma oggi il cannocchiale d’avvistamento viene puntato in direzione opposta: con i mari ormai ripuliti dai predoni, non interessa più conoscere il colore dello stendardo d’abbordaggio, bensì della lista attraverso cui l’Unione Europea determina l’affidabilità dei centri internazionali di finanza offshore....

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia