Diritti / Opinioni

Le proteste degli studenti e la sfida per una scuola migliore

Le manifestazioni studentesche sono come acqua nel deserto. Creatività etica e politica che rivendica spazi, diritti e futuro. E che non si accontenta del baratto “conoscenze” contro “competenze”. Chi vuole un’altra economia non può tenersene lontano
Tratto da Altreconomia 198 — Novembre 2017
“Ci vogliono ignoranti, ci avranno ribelli”. Così diceva un cartello delle recenti manifestazioni studentesche risorte in tutta Italia contro la truffa della cosiddetta “alternanza scuola-lavoro” e contro la politica governativa su scuola, università e occupazione. Sono manifestazioni lucide e feconde per il risveglio della vita pubblica in un Paese che avrà pure un suo immaginario collettivo ma stenta ad avere una coscienza condivisa, forte e desta. Le lotte e le aspirazioni dei giovani sono come acqua nel deserto di una...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia