Esteri / Reportage

Guadare la Drina, sognando l’Europa. Storie di frontiera lungo il fiume

Il confine serbo-croato è segnato dal corso d’acqua, attraversato a nuoto dai migranti che puntano alla Bosnia. Una rotta che è costata la vita a giovani senza nome. I sopravvissuti si dirigono in Croazia, ma la polizia li respinge con violenza

Tratto da Altreconomia 211 — Gennaio 2019
In apertura, due ragazzi siriani guadano il fiume Drina che separa la Serbia dalla Bosnia

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia