Ambiente / Attualità

Tra terremoti e pesticidi, le mille battaglie dei difensori delle api

Dall’opera impollinatrice di questi preziosi insetti dipende un terzo degli alimenti che consumiamo. Vietare l’uso di sostanze chimiche tossiche è il primo passo per salvare la “danza” che permette la biodiversità
Tratto da Altreconomia 195 — Luglio/Agosto 2017
Ilaria profuma di miele. Me ne accorgo mentre siamo una accanto all’altra davanti a un alto cespuglio di erbe spontanee dove è in corso una festa d’api. Gli insetti sono al pascolo sul meliloto officinale: uno spettacolo sempre più raro da vedere in città. Le api sono delle viaggiatrici eclettiche, ma precise: “Si spostano ovunque, ma preferiscono le piante con un alto potenziale mellifero, che è la quantità media di nettare prodotta da un fiore in 24 ore, misurata in...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia