Esteri / Attualità

Demografia e disuguaglianze: le velocità diverse del Pianeta “stretto”

Nel 2019 la popolazione mondiale ha raggiunto quota 7,7 miliardi di persone. Un miliardo in più rispetto al 2007, due miliardi in più rispetto al 1994, “appena” venticinque anni fa. Secondo le ultime previsioni pubblicate dalle Nazioni Unite, da qui al 2030 sul Pianeta saremo 8,3 miliardi, 9,7 miliardi al 2050, 10,9 miliardi al 2100. Oltre a quelle “curve” e a quei “numeri” c’è però un “mondo che procede a velocità diverse” e che va indagato al di là di “scenari troppo distanti”, come suggerisce il prof. Massimo Livi Bacci

Tratto da Altreconomia 218 — Settembre 2019
Le strade del mercato di Lagos, in Nigeria @ istockphoto.com/it/portfolio/peeterv
Nel 2019 la popolazione mondiale ha raggiunto quota 7,7 miliardi di persone. Un miliardo in più rispetto al 2007, due miliardi in più rispetto al 1994, “appena” venticinque anni fa. Secondo le ultime previsioni pubblicate dalle Nazioni Unite, da qui al 2030 sul Pianeta saremo 8,3 miliardi, 9,7 miliardi al 2050, 10,9 miliardi al 2100. Oltre a quelle “curve” e a quei “numeri” c’è però un “mondo che procede a velocità diverse” e che va indagato al di là di...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia