Esteri / Reportage

Cina: la reputazione del “buon cittadino” disegnata dai big data

Il governo di Pechino ha promosso un progetto per monitorare abitudini e comportamenti delle persone, anche online, e poi classificarli. Coinvolti otto colossi del web, compreso il gestore della piattaforma di “credito sociale” di Alibaba
Tratto da Altreconomia 204 — Maggio 2018
Nella metropolitana di Pechino - © testing/shutterstock.com
Nella metropolitana di Pechino - © testing/shutterstock.com
Vivo in Cina da meno di due anni, ma questo lasso di tempo è bastato a Sesame Credit, la piattaforma di credito sociale di Alibaba (l’Amazon cinese), a dare un voto alla mia reputazione: 598. In una classifica compresa tra 350 a 900, corrisponde a un livello moderato. Forse non ho comprato abbastanza attraverso Alipay, il sistema di pagamenti online di Alibaba, che qui gli utenti usano per acquistare prodotti, ma anche per pagare ristoranti, taxi, tasse scolastiche, biglietti del...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia