Esteri / Approfondimento

Campi profondi

Foto che indagano la relazione tra etica e comunicazione e raccontano l’oggi. Dal riscatto dei giovani migranti di Barcellona alle violenze sui minori Uno dei più grandi fotogiornalisti della storia, lo statunitense William Eugene Smith (1918-1978), un giorno disse una…

Tratto da Altreconomia 116 — Maggio 2010

Foto che indagano la relazione tra etica e comunicazione e raccontano l’oggi. Dal riscatto dei giovani migranti di Barcellona alle violenze sui minori

Uno dei più grandi fotogiornalisti della storia, lo statunitense William Eugene Smith (1918-1978), un giorno disse una frase divenuta celebre: “A che cosa serve una grande profondità di campo se non c’è un’adeguata profondità di sentimento?”. Smith aveva visto e documentato gli orrori della Seconda guerra mondiale, mostrandoli al mondo con la forza delle sue straordinarie immagini.
Questo è lo spirito che devono aver vissuto i visitatori del “Festival della fotografia etica”, che si è svolto a Lodi nel mese di marzo, e dal quale sono tratte le immagini che vedere in queste pagine. Si è trattato del primo evento interamente dedicato all’approfondimento della relazione tra etica, comunicazione e fotografia, con mostre, serate di videoproiezioni, dibattiti, incontri e letture (in attesa della prossima edizioni, info qui: www.festivaldellafotografiaetica.it).

Le foto della nostra selezione sono state realizzate in seno a una serie di progetti. Ruido Photo è un’associazione di Barcellona, nata nel 2005 con l’idea di creare un a piattaforma dove realizzare progetti di fotografia documentaria indipendenti, critici e impegnati (www.ruidophoto.com). Collectif Argos è un gruppo di giornalisti indipendenti, fotografi e redattori con sede a Parigi, impegnato nel giornalismo documentario. Luca Catalano Gonzaga (45enne romano) firma invece le immagini del progetto Wordless Children, realizzato tra i bambini lavoratori del Nepal (www.catalanogonzaga.com), mentre l’olandese Robert Knoth ha realizzato per Greenpeace un reportage fotografico in quattro aree dell’ex Unione Sovietica colpite da incidenti e contaminazioni nucleari (www.robertknoth). ActiveStill è invece un gruppo di fotoreporter israeliani nato nel 2005 (www. activestills.org), mentre il romano Francesco Zizola, ha curato per Medici senza frontiere il progetto “Colombia, voci nascoste” (www.zizola.com).

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia