Ambiente

Addizionati e contenti

L’ultima trovata degli imbottigliatori di minerale sono le acque “funzionali”. Un “complemento alimentare” propagandato a colpi di spot e televendite, per il quale l’unica cosa che cresce di sicuro è il prezzo Basta ruotare il tappo e l’acqua minerale diventa…

Tratto da Altreconomia 103 — Marzo 2009

L’ultima trovata degli imbottigliatori di minerale sono le acque “funzionali”. Un “complemento alimentare” propagandato a colpi di spot e televendite, per il quale l’unica cosa che cresce di sicuro è il prezzo

Basta ruotare il tappo e l’acqua minerale diventa “funzionale”. Questo mezzo miracolo è il segreto di “Aquatherapy”, il nuovo prodotto di Sorgente Tione lanciato a gennaio sul mercato. Non è altro che mezzo litro di acqua in una bottiglia di plastica da shakerare con 750 milligrammi di estratti di piante medicinali, contenuti in un tappo dosatore. Ma quando un’acqua è addizionata, come questa, lievita anche il prezzo: una bottiglietta di “Aquatherapy” costa 3 euro, e Sorgente Tione consiglia di berne due al giorno. Solo così “il benessere comincia dal tappo”, come recita il claim scelto dall’azienda di Orvieto (in Umbria, dove mille litri d’acqua costano 50 centesimi a chi la imbottiglia). Ma tre euro (e sei al giorno) sembrano molti per un “integratore alimentare”, come viene definita “Aquatherapy” dal dottor Mechelli, responsabile del controllo qualità per Sorgente Tione. Che aggiunge: “Non è una medicina, integra una dieta. La soluzione che si ottiene con la diluizione dei principi attivi è un complemento alimentare”. I principi attivi vengono forniti da un’azienda farmaceutica leader a livello mondiale, ma non vuole dire il nome.
"Aquatherapy”, che è stata presentata a settembre nel corso del Sana, il Salone internazionale del naturale, fa il suo ingresso in un mercato ancora poco sviluppato in Italia, quello delle acque arricchite (altri esempi: Nestlé Vera Flavor o Lilia Emotion): in Europa se ne vendono 1,9 miliardi di litri, la maggior parte (il 40%) nella sola Germania. Per “sfondare”, Sorgente Tione ha scelto “Il grande fratello” in tv e le stazioni ferroviarie: dal 12 al 22 gennaio, “Aquatherapy” è passata sei volte sulle reti Mediaset durante le dirette del reality, utilizzando come testimonial la soubrette Samantha De Grenet; a fine gennaio ha aperto invece un temporary shop nell’atrio della Stazione Centrale di Milano (ci resterà fino ad aprile), una presenza che raddoppierà durante il mese di marzo, quando uno shop gemello verrà realizzato anche a Roma Termini. “Tra gennaio e febbraio abbiamo promosso ‘Aquatherapy’ anche su una serie di periodici, come Di più, Di più Tv, For Men, Natural Style e Diva e donna (sono tutti del gruppo Cairo editore, ndr)” racconta Gilda D’Alessio del gruppo Bse, l’azienda che controlla Sorgente Tione.
Il Gruppo Bse, che nel 2007 ha acquistato Sorgente Tione da San Pellegrino-Nestlé insieme al Gruppo italiano ristorazione, controlla anche Acqua Claudia e i marchi “One Pr1ce” e “NINEtNINE Cent Shop”, due catene di vendita al dettaglio che propongono proddotti a prezzo fisso di un euro e 99 centesimi.
Magazzini retail che però non vendono i sei prodotti della linea “Aquatherapy”, presenti invece nel reparto parafarmacia degli ipermercati Carrefour e on-line sul sito www.chl.it. Dove chi è alla ricerca del benessere con un wellness drink può scegliere tra il tappo con curcuma e ortica, contro il colesterolo, o quello con avena e serenoa, perché bevendo un sorso d’acqua è possibile anche rinforzare unghie e capelli. Forse.

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia