Wal Mart nel sito archeologico

Un supermercato nell'antico Messico. E' l'ultima impresa di Wal-Mart, la catena di supermercati più grande del mondo. Il nuovo magazzino è stato aperto nella più grande zona archeologica di Città del Messico a poco meno di due chilometri dalle piramidi di Teotihuacan.

L'apertura è stata contestata dagli attivisti messicani che hanno cercato sino all'ultimo di difendere il sito archeologico, ma senza successo. Nel giorno d'apertura circa 200 clienti, alcuni muniti di cartelli a sostegno della decisione di aprire il nuovo punto vendita in Messico, hanno atteso diverse ore fuori dal Bodega Aurrera. Ad un miglio dalla piramide oltre due mila persone hanno cercato di opporsi all'apertura del negozio cercando di attirare anche l'attenzione internazionale. L'istituto nazionale di antropologia messicano, l'organismo preposto al controllo e alla salvaguardia delle rovine archeologiche, ha dichiarato che il luogo in cui è stato eretto il nuovo negozio Wal-Mart non costituisce alcun problema. Una risposta analoga è venuta dalle nazioni Unite

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia