Cultura e scienza / Opinioni

Responsabilità e consumo: la lezione di Venezia

La secolare manutenzione della Laguna è stata abbandonata. L’illusione del Mose -ancora incompleto- ha cancellato il governo dell’ambiente
Tratto da Altreconomia 197 — Ottobre 2017
Una grande nave nella Laguna di Venezia - © Duccio Facchini
Una grande nave nella Laguna di Venezia - © Duccio Facchini
La storia di Venezia sul lungo periodo è una storia di progettazione pubblica, collettiva. Perché, più che in qualunque altro posto del mondo, a Venezia non c’è confine tra architettura e urbanistica. Il fatto che la forma della città sia stata fissata, nella sua massima espansione possibile, in una data straordinariamente alta conferisce ad ogni innovazione di una singola architettura quella che vorrei chiamare una responsabilità urbanistica intrinseca. A Venezia, in altre parole, non c’è sfasatura tra forma e funzione,...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia