Un’altra Europa, alla francese – Ae 43

Numero 43, ottobre 2003Si avvicina l'appuntamento col Forum sociale europeo: ecco le prime indicazioni per districarsi tra assemblee plenarie, seminari, atelier e alloggi. Con una novità: il “Villaggio dell'economia solidale”Quattro città, cinque assi di discussione, 55 assemblee plenarie, 250 seminari…

Tratto da Altreconomia 43 — Ottobre 2003

Numero 43, ottobre 2003

Si avvicina l'appuntamento col Forum sociale europeo: ecco le prime indicazioni per districarsi tra assemblee plenarie, seminari, atelier e alloggi. Con una novità: il “Villaggio dell'economia solidale”

Q
uattro città, cinque assi di discussione, 55 assemblee plenarie, 250 seminari e 300 atelier. Questi i numeri che danno un'idea delle dimensioni del prossimo Forum Sociale Europeo (dal 12 al 15 novembre). Oltre che a Parigi, nel parco della Villette, i lavori del Forum saranno ospitati a Saint-Denis e a Bobigny, nella periferia Nord della grande metropoli (vedi cartina), e a Ivry, a Sud-Est, sulle sponde della Senna. Tutti luoghi ben collegati dalla metropolitana, e se riuscirete a ritagliarvi un po' di tempo tra seminari e assemblee sarà l'occasione per conoscere anche qualche angolo poco noto della grande Parigi.

I preparativi fervono e siamo ormai alla fase organizzativa finale, con il compito non facile di far entrare negli spazi e nei tempi disponibili tutto ciò che è stato messo in cantiere in un anno di incontri.

La complessa struttura che ha definito il programma del Forum fa capo a una Assemblea europea di preparazione (Aep) aperta alla partecipazione di tutti quelli che hanno seguito le riunioni bimestrali. A questa assemblea è spettato il compito di approvare e convalidare le decisioni assunte da diversi organismi operativi e gruppi di lavoro, dove sono state avanzate le proposte per i grandi temi di discussione e affrontate le questioni organizzative.

Ecco i temi che caratterizzano i cinque assi di riflessione:

Direttrice 1 – Contro la guerra, per un'Europa della pace e della giustizia, della solidarietà, aperta verso il mondo;

Direttrice 2 – Contro il neoliberismo, contro il patriarcato, per un'Europa dei diritti, sociale e democratica;

Direttrice 3 – Contro la logica del profitto, per una società di giustizia sociale, sostenibile per l'ambiente e per la sovranità alimentare;

Direttrice 4 – Contro il processo di mercificazione, per un'Europa democratica dell'informazione, della cultura e dell'educazione;

Direttrice 5 – Contro il razzismo, la xenofobia, e l'esclusione, per l'uguaglianza dei diritti, il dialogo fra le culture, per un'Europa disponibile ad accogliere i migranti, i rifugiati, i richiedenti di asilo.

Saranno questi i temi affrontati nelle assemblee plenarie e articolati nei seminari, mentre gli atelier (o workshop) verteranno su argomenti presentati dai singoli proponenti.

Lo schema organizzativo è insomma il solito, già sperimentato a Porto Alegre e lo scorso anno a Firenze.

A Saint-Denis, oltre agli incontri previsti nel calendario del Forum, si sta organizzando un “Villaggio dell'economia solidale”, voluto da diverse organizzazioni che praticano forme di economia alternativa, dalla cooperazione al commercio equo e solidale. Sarà un'occasione per confrontare esperienze concrete, e vedere all'opera un nuovo modo di concepire l'economia. L'indirizzo è presso la sede dell'associazione “L'Usine”, in avenue President Wilson 379, a Saint-Denis Port de Paris, stazione della linea 13 della metropolitana.!!pagebreak!!

Iscrizione a fasce
Per partecipare ai lavori del Forum è necessaria l'iscrizione, a un prezzo che varia da 10 euro -per chi ha un reddito inferiore a 1000 euro mensili- a 50 euro per chi ha un reddito superiore a 2.000 euro.

Per le associazioni invece l'iscrizione costa 50 euro, più altri 30 per ogni ulteriore rappresentante oltre il primo. A questi costi va aggiunto un 10% di fondo di solidarietà, una forma di contributo introdotto quest'anno per pagare l'iscrizione di persone che non hanno un reddito sufficiente e non possono pagarsi la partecipazione al Forum.

Per l'alloggio sono previste delle possibilità di sistemazione collettiva presso palestre e altri luoghi pubblici, che verranno riservate in particolare a gruppi che si iscrivono collettivamente. Qualche possibilità dovrebbe esserci anche per chi si aggrega all'ultimo, e ci sarà anche la possibilità di alloggiare presso famiglie disposte ad accogliere singoli partecipanti. Per gli ultimi aggiornamenti sul programma, per le iscrizioni, e per cercare un alloggio il sito del Forum è: www.fse-esf.org.

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia