Turismo responsabile

L’ospitalità prima di tutto Due “case” in Sardegna per turisti attenti all’ambiente, proposte basate sulla socialità e sul baratto, “contro la crisi”. E, in Liguria, 4 alberghi che si sono messi in rete per promuovere il commercio equo e le…

Tratto da Altreconomia 103 — Marzo 2009

L’ospitalità prima di tutto
Due “case” in Sardegna per turisti attenti all’ambiente, proposte basate sulla socialità e sul baratto, “contro la crisi”. E, in Liguria, 4 alberghi che si sono messi in rete per promuovere il commercio equo e le energie rinnovabili

Direzione Oristano
Un viaggio per uscire dalla vita frenetica cittadina e rifugiarsi in luoghi dove il tempo si è fermato e dove l’accoglienza è calorosa e solidale. “Aghe” è un centro di turismo rurale situato nei pressi di Milis (Or), paesino medievale famoso per i suoi antichi giardini d’aranci, tutt’ora produttivi, ed è costituito da tre edifici circondati dal verde e da coltivazioni biologiche (nella foto sotto una veranda): orti, agrumeti e frutteti. Nell’edificio principale, il più antico, si trovano la sala da pranzo, il soggiorno e la cucina: luoghi comuni di condivisione. In cucina si svolgono anche corsi di “cucina-salute”, curati da un medico nutrizionista. Nella casetta in pietra ci sono sei stanze colorate, accoglienti, spaziose e accessibili anche a persone con disabilità. Nell’edificio più recente ci sono grandi spazi per attività ricreative. Da questo luogo si parte per passeggiate campestri in cerca di erbe selvatiche, itinerari naturalistici e archeologici.
Negli stessi luoghi in cui viene offerta ospitalità ha sede anche un’associazione culturale che, in collaborazione con gli enti locali, organizza attività per promuovere una cultura della salvaguardia del territorio. Il prezzo a persona per una notte in formula bed & breakfast è di circa 34 euro. Possibile anche la mezza pensione con menù vegetariani e vegani. Per informazioni: tel. 0783-59.01.38 o 328-27.10.329; mail info@aghesardegna.it; www.aghesardegna.it
Sempre in Sardegna è nato un bed & breakfast “anticrisi”.
Si chiama “Villavillacolle” e offre ospitalità senza chiedere denaro in cambio: si baratta perché il denaro non regoli sempre tutto. Si trova a Bosa (Or), altro borgo medievale, tra i più belli  e colorati in Italia, in una piccola casa a torre del 1600. È gestito da una famiglia di artigiani ceramisti con anni di esperienza nell’alimentazione e ristorazione biologica, nell’accoglienza turistica.
Qui vige lo scambio e la condivisione. Prodotti biologici in cambio di un fine settimana; la propria esperienza, le proprie competenze informatiche, da elettricista o idraulico per un’accogliente permanenza. Si baratta anche semplicemente un’idea da condividere insieme durante la vacanza. La fiducia è l’unica moneta di scambio.
Bosa è un luogo dove il tempo si è fermato e da dove si può partire per escursioni al mare, sul fiume o sui monti.
Per informazioni: Villavillacolle – Ilaria e Alfredo Meschi, tel. 0785- 37.56.11 o 339-25.81.847; mail: alfredo.meschi@libero.it; avillavillacolle.blogspot.com  
L’hotel sostenibile
Gli “Happy Family Hotels” sono un consorzio di alberghi di Finale Ligure (Sv, nella foto) accomunati dalla medesima concezione di “accoglienza a 360 gradi”.  Offrono ai loro ospiti servizi flessibili, su misura, a seconda delle esigenze delle singole famiglie. Propongono  colazioni equo solidali, cibi bio e da filiera corta. E ancora: escursioni alla scoperta del loro territorio e animazione educativa per i più piccoli. Hanno creato una rete: insieme concordano i prezzi, ricercano un basso impatto ambientale delle loro strutture con, ad esempio, l’installazione di pannelli solari per l’energia. Aderiscono al protocollo di Legambiente Turismo.
Sono quattro realtà: Hotel Florenz, Hotel Medusa, Hotel Rio e Hotel San Giuseppe.
Il prezzo a persona a notte è di circa 50 euro.
Questi alberghi rientrano in un progetto più ampio che riguarda tutta la città. Finale Ligure è la prima città in Liguria ad avere aderito alla campagna “città equosolidali”, conquistando il titolo di “Città equa” nel 2008.  In collaborazione con l’Associazione Nuova Solidarietà, che gestisce una bottega del mondo, l’amministrazione comunale si è impegnata a promuovere
i prodotti del commercio equo e solidale in diversi ambienti quali le mense scolastiche, gli uffici comunali e il palazzetto dello sport. E più in generale, viene promosso il commercio equo e gli stili di vita sostenibili appoggiando la bottega nelle sue iniziative culturali e nelle campagne di diffusione di informazione.
Per informazioni: tel. 349-32.30.719; mail: info@happyfamilyhotels.it; www.happyfamilyhotels.it

Per informazioni e segnalazioni su viaggi di turismo responsabile scrivete a: silvia@altreconomia.it

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia