Non paghiamo la crisi, sosteniamo la finanza mutualistica e solidale!

La riforma del Testo unico bancario (qui il testo del decreto), cui abbiamo dedicato un approfondimento sul numero di giugno di Ae, mette sullo stesso piano le esperienze di finanza etica, come le mutue di autogestione (Mag) e i mediatori…

La riforma del Testo unico bancario (qui il testo del decreto), cui abbiamo dedicato un approfondimento sul numero di giugno di Ae, mette sullo stesso piano le esperienze di finanza etica, come le mutue di autogestione (Mag) e i mediatori finanziari che promuovono le carte revolving.
Ecco perché Mag 4 Piemonte ha lanciato un appello a deputati e senatori, chiedendo di inserire due emendamenti che permettano il riconoscimento delle realtà che si occupano di finanza mutualistica e solidale (4 attive, Mag2 Finance Milano, Mag6 Reggio Emilia,
Mag4 Piemonte Torino e Mag Venezia, le ultime due anche socie di Ae, e altre quattro in formazione a Cesena, Firenze, Reggio Calabria, Roma).
"La nuova normativa in discussione porterebbe ‘di fatto’ a cancellare uno strumento di finanza realmente autogestita dai soci finanziati e finanziatori -spiega Mag4-. Faremo tutto ciò che possiamo per evitarlo e ti chiediamo di attivarti tempestivamente in tal senso. Le commissioni parlamentari che stanno esaminando il testo dovranno terminare il loro lavoro entro il 20 luglio 2010, quindi è necessario far arrivare loro la nostra voce entro l’inizio del mese di luglio".

Il testo dell’appello

L’articolo di Marco Gallicani sul numero 117 di Altreconomia, "Il credito non è tutto uguale"

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia