Opinioni

Cresciamo immersi nell’arte, senza comprenderne il privilegio

La formazione nel patrimonio culturale dell’identità italiana nello sguardo di due viaggiatori di fine Ottocento. "Un volto che ci somiglia", la rubrica di Tomaso Montanari
Tratto da Altreconomia 192 — Aprile 2017
Johannes Brahms è stato un compositore, pianista e direttore d’orchestra tedesco. Aveva 55 anni nel 1888, al tempo del viaggio narrato dal suo amico Joseph Widmann
Johannes Brahms è stato un compositore, pianista e direttore d’orchestra tedesco. Aveva 55 anni nel 1888, al tempo del viaggio narrato dal suo amico Joseph Widmann
Una sera del 1888, mentre passeggiavano sotto i portici di Bologna, Joseph Viktor Widmann e il suo ottimo amico Johannes Brahms videro un mendicante: “È un sordomuto che, accovacciato sulle pietre del selciato, con accanto un mozzicone di candela stearica disegna con un carboncino il ritratto di Cavour, in grandezza naturale. Quando un passante si ferma, egli illumina l’opera con il misero lucignolo. C’era lì accanto un piatto per raccogliervi il soldo di chi cedesse alla tentazione di spenderne uno...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia