Bilanci di saggezza


Sono convinti che il nostro modo di consumare sia incompatibile con il futuro del pianeta; hanno trovato un sistema che consente di “liberarsi dalla dorata schiavitù del consumismo” e un metodo che, anche attraverso la compilazione di una scheda periodica, mira a rivedere le spese famigliari spostandole dal consumismo a criteri di scelta etici.

Sono 500 famiglie in Italia e si ritroveranno a Marina di Massa dal 24 al 27 agosto per il loro Incontro Nazionale. Sono gli aderenti a Bilanci di Giustizia che dal 1993 tentano di dare concretezza allo slogan: “Quando l’economia uccide…bisogna cambiare”. www.bilancidigiustizia.it

Quando mi affaccio alla finestra e guardo le case al di là della strada vedo la cornice della finestra da cui mi parla il dirimpettaio, ma non vedo la cornice della mia finestra. Oggi il vano in cui siamo inquadrati è il mito del nostro sistema economico, noi non riusciamo a pensare più niente che non sia all’interno di questo sistema economico. È chi ci sta davanti che può farci capire com’è la nostra finestra: gli aderenti a Bilanci di Giustizia si lasciano interpellare dal problema ambientale e dalla giustizia verso gli altri popoli.

Il volano per mantenere dinamica questa intuizione sta nel loro metodo. Ci si ferma una sera in casa e ci si chiede insieme cosa si vuole cambiare o “spostare” (cioè scegliere secondo criteri di giustizia) dei propri consumi. Si può spaziare dal decidere di ridurre la spesa di carne, al pesare i rifiuti che si producono o all’usare sempre la bicicletta. Quando si arriva a una decisione condivisa ci si rende conto che si è un piccolo nucleo che sta iniziando una rivoluzione e vi è un progetto comune che unisce. Si prende forza e senso quando si riesce ad accordarsi con altre famiglie a incontrarsi insieme e a condividere i singoli obiettivi che ciascuno si pone.

Con i bilanci che ogni famiglia invia alla Segreteria è possibile costruire un Rapporto Annuale dove vengono confrontati i consumi di chi fa delle scelte di giustizia con quelli medi degli italiani forniti dall’ISTAT. Dall’ultimo Rapporto risulta che sono stati scelti con criteri etici il 30% dei consumi e si è speso il 19% in meno della famiglia media, cioè con meno si è vissuto meglio.

Alcuni bilancisiti hanno scoperto il pensiero di Raimond Panikkar, teologo figlio di padre indiano e madre spagnola, vi hanno colto la capacità di riuscire a vedere le cose da un punto di vista diverso.

Da qui è nato il tema dell’incontro annuale: “Bilanci di Giustizia, Bilanci di Saggezza” che farà ritrovare a Marina di Massa gli aderenti alla Campagna e tutti coloro che vogliono conoscere questa sperimentazione.

In un clima di festa ci sarà uno spazio specifico per tutti: gli adulti vedranno un alternarsi di gruppi di ricerca collettiva a partire dalle suggestione di Achille Rossi e di Fulvio Manara, due filosofi che da anni dialogano con il pensiero e la persona di Panikkar, e di momenti di condivisione dei saperi che avverranno nei laboratori. Gli adolescenti porteranno avanti l’itinerario iniziato gli anni scorsi. I bambini avranno una parte attiva con dei percorsi progettati per loro, tutti i risultati dei lavori saranno presentati nella assemblea plenaria.

Il mito definisce l’orizzonte di realtà, per chi è passivamente integrato è la sindome TINA: there is no alternative, Bilanci di Giustizia si unisce con una propria specificità al movimento di quanti sono convinti che un’alternativa è possibile.

INCONTRO NAZIONALE BILANCI DI GIUSTIZIA

Bilanci di Giustizia, Bilanci di Saggezza

dal 24 al 27 agosto 2006– Marina di Massa – Massa Carrara

PROGRAMMA

Giovedì 24

ore 14-17 Arrivi

ore 17  Accoglienza: il tempo per conoscersi e ritrovarsi!

ore 19.30 Cena

ore 21  Gioco di accoglienza

Venerdì 25

ore 7.30 Yoga in pineta

ore 8  Colazione

ore 9  Plenaria: il senso dell’incontro

ore 9.15 Conversazione con don Achille Rossi “Dall’Ecosofia un modo nuovo per vedere   Economia e Politica”

ore 10.30 Lavori di gruppo

ore 12.30 Pranzo

ore 15  Laboratori

ore 17  Prentazione del prof. Manara e proiezione video: “L’arte di vivere”

ore 18.30 Lavori di gruppo

ore 19.30 Cena

ore 21  Ecco a voi i Gruppi dei Bilanci!!!  E Serata per i bimbi

Sabato 26

ore7.30 Yoga in pineta

ore 8  Colazione

ore 9.30 Proiezione video: “Il sorriso del saggio”

ore 10.30 Lavori di gruppo

ore 12.30 Pranzo

ore 15  Laboratori

ore 17.15 Proiezione video: “La nuova innocenza”

ore 18.30 Lavori di gruppo

ore 19.30 Cena

ore 21  FESTA

Domenica 27

ore 7.30  Yoga in pineta

ore 8  Colazione

ore 9.15 Lavori di gruppo conclusivi

ore 10.30 Plenaria: risultati lavori di gruppo, Rapporto 2005, presentazione lavoro bambini,   conclusioni

ore 13  Pranzo

INCONTRO NAZIONALE BILANCI DI GIUSTIZIA

Bilanci di Giustizia, Bilanci di Saggezza

dal 24 al 27 agosto 2006– Marina di Massa – Massa Carrara

LABORATORI

 

1. Dalla friggitrice al serbatoio, ovvero l’auto ad olio vegetale

Pochi sanno della possibilità di far funzionare un motore diesel ad olio vegetale puro (da non confondersi con il Biodiesel !), quasi nessuno sa come fare ciò senza provocare danni al propulsore. Durante il laboratorio verranno spiegati i vantaggi a livello ecologico, le basi teoriche e quelle pratiche per trasformare la vostra auto diesel in una vettura ecologica. Saràanche possibile vedere e farsi un giro con la “friggimobile” del relatore. (Luca – Monaco)

2. Esperienze sul metodo di condivisione (Luca – Bologna)

3. Spiritualità nel quotidiano (don Gianni)

4. Coloriamo la stoffa (Simonetta – Bergamo)

5. La Saggezza (Luca – Quarrata)

6. Autoproduzione Seitan e Tofu (Graziella – Val D’Illasi)

7. Prepariamo la caciotta (Mauro – Sesto Fiorentino)

8. Il Gruppo Energia presenta e racconta il lavoro fatto sull’Energia (Gruppo Energia)

9. Approfondiamo la figura di Raimon Panikkar (Fulvio Manara)

10. Piada e Piadina (Gruppo Rimini1)

Laboratorio per grandi e piccini: impasteremo, stenderemo, cucineremo e mangeremo la piada, pane azzimo romagnolo

11. Autoproduzione di Feltro con lane autoctone (Annalisa)

Produrre il feltro a partire dalla lana. Materiale che ogni partecipante deve portare con sé: 1 mq di pluriball (plastica da imballaggi, quella con le bolle), sapone di marsiglia, 4 mollette da bucato, 1 bricco da 1 litro per l’acqua, 1 asciugamano e 2 strofinacci, forbici che tagliano bene, aghi e fili da ricamo in vari formati e colori. Massimo 10 partecipanti

12. Dall’olio…al sapone (Annalisa)

Materiale che ogni partecipante deve portare con sé: 1 bottiglina da 1/2 litro, una coperta (o un maglione) per tenere al caldo il sapone. Massimo 8 partecipanti.

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia