Altri modi di educare. L’alternativa è in pagina – Ae 53

Numero 53, settembre 2004Pubblicare opere su temi “non convenzionali” -pace e ambiente, ma anche finanza etica e consumo critico- puntando ai contenuti più che al fatturato. È la scommessa di un pugno di piccoli e medi editoriL'educazione alla pace, l'intercultura,…

Tratto da Altreconomia 53 — Agosto 2004

Numero 53, settembre 2004

Pubblicare opere su temi “non convenzionali” -pace e ambiente, ma anche finanza etica e consumo critico- puntando ai contenuti più che al fatturato. È la scommessa di un pugno di piccoli e medi editori


L'e
ducazione alla pace, l'intercultura, l'handicap sono favole da raccontare. Finanza etica e commercio equo possono diventare avventure dai colori vivaci. Storie forti, temi spinosi, tanto più se destinati a bambini e ragazzi: a cercare le parole giuste un pugno di piccoli e medi editori che con scelta coraggiosa, e grande fatica, si tuffano nel pentolone dell'editoria per ragazzi.

Panorama redditizio -96 milioni di euro il fatturato 2003 per il canale libreria- ma molto affollato, con 30 mila titoli attualmente in commercio, dominati dai colossi Harry Potter (5 milioni di copie per cinque titoli e 800 mila per il solo Harry Potter e l'ordine della Fenice) e Geronimo Stilton (tutte la serie ha venduto, anche qui, oltre 5 milioni di copie).

Chi pubblica temi alternativi punta più ai contenuti dei libri che a quelli del fatturato, ma lo fa a suo rischio e pericolo, perché alla concorrenza dei grandi editori si aggiungono altre insidie, dal telefonino ai videogiochi. E se tra chi frequenta la scuola dell'obbligo il 30% non legge libri al di fuori dei testi scolastici, il numero dei giovani lettori continua a calare: nel giro di cinque anni la percentuale è passata dal 71% del 1997 al 65% dell'anno scorso.

Le edizioni La Meridiana si occupano di educazione da sempre, “pace” la parola chiave, intesa “come costruzione di relazioni -spiega Elvira Placagnino- attraverso le quali, piano piano, si può anche cambiare il mondo”. Dalle “Partenze”, collana specifica sull'educazione alla pace, alle “Prove” in cui si trovano immersi -senza preavviso- gli adolescenti, per arrivare a “P come gioco” (“per costruire relazioni positive, per ipotizzare scenari di cambiamento, per valutare la propria capacità di scegliere”). Volumi pensati soprattutto per formatori e per genitori, con titoli come Una bella litigata, che sfata l'idea che l'armonia familiare sia da preferire a un confronto anche acceso, che l'aggressività nei bambini sia comunque negativa: “In realtà bisogna saperla gestire, cercando di incanalarne la positività”. Strumento principe il gioco: privilegiando oggetti casalinghi e senza escludere la classica e -assicurano alla Meridiana- efficace battaglia con i cuscini. In questo modo i bambini imparano a gestire le proprie emozioni e i genitori a comportarsi in queste particolari situazioni.

Semplifica Elvira: “Per imparare a fare i manager esistono corsi e scuole, mentre nessuno ti insegna a fare la madre o il padre. Eppure gli adulti che chiedono risposte in questo senso sono davvero tanti”. A testimoniarlo un volume come Genitori efficaci, che a 11 anni dalla prima edizione vende ancora 5-6 mila copie l'anno.

Sempre sul fronte degli educatori si muovono le Edizioni Gruppo Abele (Ega), con la collana Egascuola in particolare. Tre filoni “ministeriali” (elementari, medie e superiori) organizzati in manuali per insegnanti e letture o giochi di ruolo per i ragazzi. Qui i cardini sono solidarietà, giustizia, diritti. Tra i temi affrontati la paura e la malattia (Domani vado all'ospedale, per i più piccoli), la schiavitù al giorno d'oggi o il conflitto israelo-palestinese (Non ho più nome e Sui muri di Jabalya, per le scuole medie), educazione alla cittadinanza (Diventare cittadini) e giochi per affrontare con i più grandi temi vari, dai rifiuti all'acqua risorsa preziosa. Da segnalare la recente collaborazione con Amnesty International, da cui è nata una collana dedicata, ovviamente, ai diritti umani. Già qualche titolo all'attivo: Il quadernone di Amnesty International (per i più piccoli), Abu Ghraib e dintorni, I diritti delle donne.

Esperienza singolare in sé è quella della Sinnos Editrice, cooperativa sociale nata quattordici anni fa da volontari e detenuti del carcere romano di Rebibbia, per creare opportunità di lavoro per questi ultimi. Il filone per ragazzi -che ancora oggi è uno dei punti di forza- parte da subito: “L'idea è stata proprio di un volontario -racconta Giulia- che faceva l'insegnante”. Temi portanti l'intercultura, i diritti, l'educazione al rispetto della diversità. Varco principale per questi universi paralleli la collana “I mappamondi”, scritti da autori stranieri e pensati per bambini e ragazzi di classi “miste”: fiabe, autobiografie, storie popolari raccolte in libri bilingue che nelle ultime pagine raccolgono anche informazioni su negozi, associazioni, luoghi d'incontro della comunità straniera protagonista del volume.

L'alternativa, per i più piccoli, percorre le strade di “Fiabalandia”, con racconti internazionali, dall'ecologia alla storia della samba. Infine, la collana “Nomos” che introduce i bambini al mondo del diritto, rendendo divertenti temi lontani e astrusi, per coinvolgerli “in una visione più ampia della realtà che li circonda” e fornire loro gli strumenti per comprenderla: da Lorenzo e la Costituzione a Chiara e l'uso responsabile del denaro (qui sopra).!!pagebreak!!

Con Chiara alla scoperta del denaro responsabile
Il denaro può essere “responsabile”? Da qui parte la piccola protagonista di Chiara e l'uso responsabile del denaro (Spedaletti-Lo Piano, Sinnos editrice, 82 pagine, 12 euro): viaggio attraverso la storia degli scambi commerciali, dal baratto ai moderni bancomat, con approdo agli esempi concreti di “scelte responsabili sull'uso del denaro”: Banca Etica, commercio equo, agricoltura biologica, cooperative sociali, terzo settore. Con illustrazioni coloratissime e un'avventura di Chiara alla ricerca di un finanziamento per realizzare di un campo sportivo dove giocare con gli amici. Il libro è provvisto di “prezzo trasparente”, con tutte le voci e i costi dalla stampa alla distribuzione.
www.sinnoseditrice.com

Diversità è ricchezza, mettetevelo in testa
“Il pregiudizio è contagioso”. E pericoloso: razze, religioni, culture, tendenze sessuali. Sono solo alcune delle “diversità” con cui entriamo in contatto ogni giorno e con le quali bisogna, per forza, fare i conti. Come? Insegnando “tolleranza e comprensione”, come spiega Testa bollata (a cura della Anti Defamation League, edizioni La meridiana, 84 pagine, 12,50 euro), volume pensato per genitori e insegnanti e suddiviso in due parti. Nella prima è illustrato il modo in cui i bambini percepiscono la differenza e come si può insegnar loro ad apprezzarla, nella seconda parte consigli pratici su come comportarsi di fronte a episodi di intolleranza o di violenza.
www.lameridiana.it

Dall'India alla Afghanistan, storie di donne
Narrativa con impegno: in Nakusha e le altre, (Ega Libri, 96 pagine, 8 euro) potrete leggere le storie di donne come la stessa Nakusha, tredicenne indiana il cui nome significa “l'indesiderabile”, e i cui giorni sembrano destinati alla cura della casa, senza la possibilità di andare a scuola. Oppure Latifa da Kabul, in Afghanistan: “Prima della presa del potere dei talebani faceva l'infermiera, da allora è costretta a vivere rinchiusa”.

In uscita quest'autunno, tra l'altro, un Itinerario didattico per la scuola superiore sul conflitto israelo palestinese realizzato da un team di professori di storia contemporanea e sociologia dell'Università di Torino. www.egalibri.it !!pagebreak!!

Carthusia, casa editrice al femminile
Voci del mondo. E dei nonni
La casa delle fate è al quarto piano di uno stabile d'epoca, in centro a Milano. Qui, tra le pareti di Carthusia Edizioni, nascono storie su mondi lontani -Cina, Perù, Egitto, Albania- ma così familiari, ormai, nelle nostre strade, prendono forma qui i racconti impigliati nelle memorie dei nostri nonni, o tra le anse dei fiumi, alle pendici di un vulcano, dietro le sbarre di un carcere.

Ambiente, multietnicità, affido: “Temi difficili -conferma Patrizia Zerbi Monti- che quando ho fondato la casa editrice, nel 1987, erano trattati da libri tristi, mentre quelli belli, colorati, erano di solito i titoli di narrativa”. Ecco la sfida: utilizzare anche per le storie più complicate un linguaggio semplice, avvincente, coi migliori autori e gli illustratori più bravi. E formati inediti. Nascono così, per esempio, i volumi “a fisarmonica”, lunghi quasi un metro e mezzo se aperti completamente: da un lato parole e immagini, dall'altro un'illustrazione unica per raccontare la storia. “Così raggiungiamo diverse fasce d'età”, spiega Patrizia Zerbi Monti, colorata nel vestire quasi quanto le tavole illustrate appese alle pareti dell'ufficio. Questi libri, di cui è stato brevettato il modello, offrono spazio a diverse collane: “Storiesconfinate”, fiabe raccolte da donne immigrate (come Il piccolo e il gigante feroce, dall'Albania), “Storievasive”, sempre straniere ma raccontate da ospiti di centri per minori (Yasmin e le mele d'oro, dalla tradizione rom), o ancora “Le memostorie”, con i racconti della tradizione orale italiane (La storia di Bertoldo, raccontata “dalla bisnonna Giuseppina di 93 anni”).

Non manca l'infanzia difficile in questa casa editrice al femminile (8 donne tra i 18 e i 47 anni): Una vicemamma per la principessa Martina, per esempio, sull'affido familiare, o il “Progetto Pinocchio”, in collaborazione con il carcere minorile “Beccaria” di Milano: libri in sette lingue per aiutare i giovani detenuti ad affrontare la situazione che stanno vivendo.

In libreria e in bottega. Info: www.carthusiaedizioni.it !!pagebreak!!

Per i più piccoli i libri gioco arrivano dalla Cina
Il regno degli infanti è fatto di stoffa e plastica made in China. Sono sempre più diffusi i libri per lettori di fascia pre-scolare, da 0 a 6 anni. Pagine ibride, a metà tra libro e gioco: libri-pop up, libri-puzzle, libri in gomma per il “bagnetto”. Come Tea Stilton. L'avventura è… delle Edizioni Piemme, per esempio, un “libro-topo” in peluche e cartone, oppure Tempo di gioco tempo di bagno, Fabbri Editori.

La particolarità di questi volumetti è quella di essere tutti assemblati e stampati in estremo oriente, in Cina e Malaysia in particolare, da aziende come la “Locomotive” di Hong Kong (www.locomotive.com.hk) e poi venduti e tradotti in tutto il mondo.

Gli altri nomi dell'altra editoria per ragazzi (anche in bottega)
Edizioni El-Emme edizioni. “Sì, io ho conosciuto Iqbal”: inizia così il romanzo dedicato al ragazzo pakistano simbolo della lotta al lavoro minorile. Scritto da Francesco D'Adamo, Storia di Iqbal (Edizioni El, 155 pagine, 9,40 euro) è indicato dai 12 anni in poi. Tra gli altri titoli Storie dal cuore del mondo, (di Coles-Ross, Edizioni El, 148 pagine, 14,60 euro) e, per i più piccoli, No all'intolleranza e al razzismo, (Dutheil-Fellner, 48 pagine, 5,68 euro).
www.edizioniel.com

Fatatrac. Attenzione ai temi sociali da sempre: intercultura, handicap, educazione alla democrazia. Tra i titoli “caldi”: Guai a chi mi chiama passerotto, sui diritti dei bambini in ospedale, di Anna Sarfatti e Sophie Fatus (14 pagine, 13,50 euro) e Come i pini di Ramallah, i diari paralleli di David, ragazzino ebreo, e del suo coetaneo palestinese Mohammed (di Antonio Ferrara, 64 pagine, 9,50 euro). www.fatatrac.com

Emi. Soprattutto “Favole dal mondo”, nell'omonima collana, per conoscere altri popoli. Tra gli ultimi titoli: Akbar e Birbal. Favole dall'India di Eunice De Souza (64 pagine, 9,50 euro). E poi titoli “critici”, da Ai figli del pianeta a cura del Centro nuovo modello di sviluppo (128 pagine, 9,30euro) a Glob glob. La globalizzazione spiegata ai ragazzi di Emanuele Fucecchi (96 pagine, 9 euro). www.emi.it

Città Nuova. Ma che razza di razza è?, per spiegare ai bimbi dai 6 anni in su che, al di là di colori e tratti somatici, siamo tutti uguali. E poi la collana “Le favole dal mondo”, con storie dai cinque continenti. www.cittanuova.it

Campomarzo. Piccolissimo editore (un titolo l'anno) con libri in alcune Feltrinelli e botteghe. In catalogo fiabe, favole e leggende, da segnalare Favole e miti dogon (a cura di Scicchitano e Togo, 120 pagine, 5,16 euro). www.campomarzo.com

 

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia