Esteri / Reportage

24 ore in Turchia, tra epurazioni e strette autoritarie. Ma il desiderio di libertà inizia a ribollire

Dopo il tentato golpe del 15 luglio 2016, il governo ha “licenziato” quasi 140mila persone
Tratto da Altreconomia 195 — Luglio/Agosto 2017
Mardin, Sud-Est della Turchia, i bambini 
costruiscono gli aquiloni con le proprie mani, sfidandosi 
nella piazza della città vecchia
Mardin, Sud-Est della Turchia, i bambini costruiscono gli aquiloni con le proprie mani, sfidandosi nella piazza della città vecchia
A Yalova, cittadina di 100mila abitanti a sud di Istanbul, è una tiepida giornata di fine primavera e in molti sono seduti all’aperto, sotto gli ombrelloni dei caffè che affacciano sul mare. Bedi, un signore distinto, camicia a quadri e un golfino leggero, è tra loro. Per l’ultima volta lancia i dadi sulla tavola del backgammon che ha di fronte. La partita è quasi terminata e per ora non vuole altro tè. Sette mesi fa il Governo ha inserito il...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia