Diritti / Opinioni

Rohingya, la triste estate dei bambini

Sono migliaia le donne vittime delle violenze perpetrate dai soldati del Myanmar. Stupro e gravidanza sono visti come colpe. Ma non è così. La rubrica di Luigi Montagnini

Tratto da Altreconomia 207 — Settembre 2018

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia