Una voce indipendente su economia, stili di vita, ambiente, cultura
Finanza / Approfondimento

Terzo settore e leva della finanza. Per uscire dalla residualità

© Yogesh Pedamkar - Unsplash

La domanda di finanza delle organizzazioni dell’economia sociale è stata fino a oggi “mansueta” nei confronti di un’offerta più attenta ad accompagnare -e a condizionare- che dar linfa a strategie di investimento. Che cosa ci aspetta

Tratto da Altreconomia 272 — Luglio/Agosto 2024

Come sta reagendo l’ecosistema di finanza sociale e a impatto di fronte alla crisi innescata dalla crescita del costo del denaro? Lo stress test a cui è sottoposto non è di poco conto. I maggiori tassi di interesse colpiscono le organizzazioni dell’economia sociale e del Terzo settore sia a livello di gestione ordinaria sia di propensione all’investimento, costringendole a dirottare una quota crescente di risorse dalla produzione di servizi di interesse collettivo al pagamento di oneri finanziari. Ma c’è un’altra ragione che merita di essere approfondita, ovvero che negli ultimi anni sono state messe in atto strategie, soprattutto dal versante dell’offerta di risorse, per avvicinare imprese sociali e altri enti del Terzo settore alla finanza, sia ordinaria sia d’investimento.

Ecco quindi che fondazioni, banche, fondi di investimento e, da non sottovalutare, attori pubblici spesso con il supporto di società di consulenza e think tank di settore hanno intrapreso prog

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale

Hai già acquistato la rivista o sei abbonata/o? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.


© 2024 Altra Economia soc. coop. impresa sociale Tutti i diritti riservati