Ambiente / Approfondimento

Il nuovo incanto dei terrazzamenti, un patrimonio da recuperare

Le aree terrazzate sono frutto di una pratica antica che valorizza terreni scoscesi permettendone anche la coltivazione. Oggi, contadini, professionisti e scienziati lavorano per restituire memoria collettiva e funzioni ai territori
Tratto da Altreconomia 203 — Aprile 2018
Si dice che potremmo arrivare quasi fino alla Luna, mettendo uno accanto all’altro i muretti a secco delle aree terrazzate d’Italia. 170mila chilometri di sassi, venti volte la lunghezza della Muraglia cinese: circa uno per ciascuno dei 170mila ettari di terrazzamenti censiti nel nostro paese dal progetto “Mapter” (Mappatura delle aree terrazzate italiane), coordinato dall’Università di Padova, il primo tentativo nazionale di quantificarli (di prossima pubblicazione per le edizioni Springer). “Si tratta di una stima ancora parziale”, avverte Mauro Varotto, docente...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia