Ambiente / Approfondimento

Spiagge da liberare: i litorali italiani nel dopo pandemia

Il 50% delle coste sabbiose del nostro Paese è sottratto alla fruizione libera. Cemento, concessioni ai privati e regole diverse per ogni Regione mettono a rischio un bene collettivo. E c’è chi vuole approfittare delle misure anti-Covid-19

Tratto da Altreconomia 228 — Luglio/Agosto 2020
© Associazione "Mare Libero"
Il 50% delle coste sabbiose del nostro Paese è sottratto alla fruizione libera. Cemento, concessioni ai privati e regole diverse per ogni Regione mettono a rischio un bene collettivo. E c'è chi vuole approfittare delle misure anti-Covid-19 To access this post, you must purchase Abbonamento annuale Ae + Mosaico di Pace, Abbonamento annuale Ae + Azione non violenta, Abbonamento annuale Ae + Gaia, Abbonamento annuale Ae + Nigrizia, Abbonamento annuale Amico di Altreconomia, Abbonamento annuale estero carta + digitale, Abbonamento...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia