Interni / Opinioni

Racket, usura e il mercato che piace alle mafie

Il 29 agosto 1991 veniva assassinato Libero Grassi, imprenditore che rifiutò la “tassa dei mafiosi”. Quasi trent’anni dopo, l’Italia si scopre ancora esposta

Tratto da Altreconomia 206 — Luglio/Agosto 2018
Libero Grassi è stato ucciso da Cosa Nostra il 29 agosto 1991 dopo essersi opposto a una richiesta di pizzo

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia