Noi della Diaz

La notte dei manganelli al G8 di Genova. Edizione 2021 - epub e pdf

Il libro è disponibile in versione epub e pdf. Una volta concluso l’ordine, si può scegliere in quale formato scaricarlo.

“Noi della Diaz” è un precipitato di storie.

Non vi inganni il fatto che Lorenzo Guadagnucci sia un giornalista, anzi “il” giornalista che ha vissuto in prima persona la notte dei manganelli. “Noi della Diaz” è una storia che appartiene a tutti e che – in fondo – è stata scritta da tutte quelle persone che nella loro vita hanno subìto un sopruso da parte delle forze dell’ordine, quelle che vogliamo ostinatamente sperare siano – soprattutto nei loro vertici – dei leali servitori dello Stato e dei cittadini tutti.

“Noi della Diaz” è una storia di storie. Non è un caso che il titolo coniughi la prima persona plurale. È la storia di persone con nome e cognome ma anche di persone che, nella concitazione del momento, Lorenzo identifica con un tratto caratteristico, un vestito, la lingua parlata; è una storia non unidimensionale ma ricca di sfumature, dove non ci sono buoni e cattivi ma persone. Uomini della polizia che riversano sul primo malcapitato le proprie frustrazioni e altri che esitano a far ricadere il manganello. “Carcerieri” in ospedale capaci di umanità ma altri – come a Bolzaneto – pronti a esercitare in modo improprio il monopolio della forza.

“Noi della Diaz” è una storia che è diventata altre storie: il film del 2012 di Daniele Vicari “Diaz-Don’t Clean Up This Blood” (qualunque opinione se ne abbia) prende spunto da questo e da altri racconti e  lo traspone in modo vivido, con Elio Germano nel ruolo di Lorenzo.

“Noi della Diaz” è una storia che non è finita per tutti, ma è proseguita con i molti processi, quelli ai manifestanti, quelli ai poliziotti, quelli ai depistatori e quello – fuori dalle aule di giustizia – allo Stato stesso.

Questa nuova edizione – la prima è del 2002 e la seconda del 2003 – cade nel ventesimo anniversario dei fatti di Genova ma il suo scopo non è solo fare memoria o celebrare una ricorrenza. La riflessione sulla “macelleria latinoamericana” – 66 feriti su 93 persone, alcuni anche in maniera grave – va infatti oltre la cronaca.

Lo testimonia la nuova prefazione del magistrato Enrico Zucca che mette in piena luce alcuni elementi che il tempo non cancella: la grottesca e menzognera gestione della comunicazione e dei media nella conferenza stampa del mattino dopo; la definizione di quello che è accaduto nella scuola e che integra in pieno la fattispecie della tortura; il tentativo di trasformare le vittime in colpevoli nel corso dei processi.

A proposito dei processi è utile ricordare la sentenza di condanna della Corte Europea dei diritti umani del 2017, nella quale, scrive Zucca: “i giudici di Strasburgo non hanno usato mezzi termini per condannare lo Stato italiano”.

Un libro – infine – che è di estremo interesse per chi voglia spiegare il G8 a “chi non c’era”, ai propri figli e nipoti, o a chi è ancora scettico su quello che è accaduto oppure che nel 2001 era “distratto”. Lo stesso obiettivo si pone “2001-2021 Genova per chi non c’era. L’eredità del G8: il seme sotto la neve”, di Angelo Miotto, appena uscito per Altreconomia.

Perché – come scrive Lorenzo – “la sfida resta quella di convincere che un altro mondo è possibile, cominciando a costruirlo”.

In appendice, l’agro “diario dal carcere”: i tre giorni di Paolo Fornaciari, arrestato in via Tolemaide il 20 luglio 2001 e pestato nel comando dei carabinieri.

Buona lettura.

Gli autori

Lorenzo Guadagnucci

Giornalista, fra i promotori del Comitato Verità e Giustizia per Genova (http://www.veritagiustizia.it/) e del gruppo Giornalisti contro il razzismo, editorialista di Altreconomia. Vive a Firenze. È autore di libri sul Commercio Equo e Solidale, sulle forme di altra economia, sul G8 di Genova del 2001, sull’autoritarismo che monta, sul razzismo a mezzo stampa, sulla questione animale come questione di giustizia, sulla strage di Sant’Anna di Stazzema. Tra gli altri “Distratti dalla libertà ”(Berti-Altreconomia 2003), “La crisi di crescita” (con Fabio Gavelli, Feltrinelli 2004), “La seduzione autoritaria” (Nonluoghi 2005), “Il nuovo mutualismo” (Feltrinelli 2007), “Era un giorno qualsiasi” (Terre di mezzo 2016)“Noi della Diaz” (oggi in questa nuova versione epub per Altreconomia) e “L’eclisse della democrazia”, nuova edizione con Vittorio Agnoletto (Feltrinelli 2021).


Il commento dei lettori

Ancora non ci sono recensioni.

Acquista questo prodotto per poter aggiungere una recensione.